• Lun - Ven dalle 9:00 a 19:00

  • Via Atto Vannucci, 13 - 50134 Firenze

  • 055241106 - 348 6936286 

Obesi sani, ma forse no.

Un sottogruppo di individui obesi, denominato “obeso metabolicamente sano” (MHO), ha un profilo metabolico favorevole caratterizzato da elevata sensibilità all’insulina, basso contenuto di tessuto adiposo viscerale, meno grasso epatico, pressione sanguigna normale, lipidi, profili infiammatori, ormonali e immunologici favorevoli pur avendo un eccesso di grasso corporeo.

In generale, questi soggetti hanno un rischio inferiore di diabete e malattie cardiovascolari rispetto agli individui obesi con anomalie metaboliche.

Recentemente, la natura benigna del fenotipo MHO a lungo termine ha iniziato a essere messa in discussione.

Il tessuto adiposo è un organo endocrino responsabile della secrezione di molecole bioattive, le adipochine, che contribuiscono al processo infiammatorio, che può portare a complicanze cardiometaboliche associate all’obesità. Le persone con MHO sembrano essere protette o sono più resistenti allo sviluppo di queste complicanze.

Combinare una dieta mediterranea con un allenamento aerobico moderato-intenso è efficace nel migliorare la composizione corporea, ma nessuno studio ha analizzato se i livelli di adipochina e il profilo infiammatorio presentassero variazioni significative nei soggetti con MHO.

Lo ha indagato un gruppo spagnolo che ha considerato 115 donne (35-55 anni) con BMI di 30-40 kg / m 2 e ≤1 criteri della sindrome metabolica. Dopo un intervento di 2 anni basato su dieta e esercizio, le partecipanti sono state classificate in base alla percentuale di perdita di peso.

Analizzando adipochine e biomarcatori infiammatori, è stato riscontrato che solo la CRP (correlazione inversa) e l’adiponectina (correlazione diretta) hanno mostrato di essere legati all’aderenza alla dieta mediterranea dopo 2 anni di intervento.

La perdita di peso clinicamente significativa nelle donne MHO porta a un miglioramento limitato dei livelli sierici di adipochine e di biomarcatori infiammatori.

Il fenotipo MHO come sottogruppo resistente ai disturbi metabolici associati all’obesità, non migliora sostanzialmente il profilo metabolico con la perdita di peso. Ma stiamo parlando di profili metabolici sani, in cui l’adiponectina probabilmente diminuisce per perdita del tessuto adiposo che la genera.

In ogni caso, i markers infiammatori si riducono, nonostante la diminuzione della adiponectina (conosciuta per avere proprietà antinfiammatorie).

 

 

Autori: Gomez-Huelgas R, Ruiz-Nava J, Santamaria-Fernandez S, Vargas-Candela A, Alarcon-Martin AV,  Tinahones FJ, Bernal-Lopez MR.

Fonte: Mediators Inflamm. 2019 Apr 9;2019:4165260. doi: 10.1155/2019/4165260

Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6481026/

Tags:
Categories:

Salute dell’osso con la BIA in multifrequenza!

Si può predire l’osteoporosi attraverso la riduzione della massa cellulare? Risponde uno studio trasversale giapponese

Ricerca Clinica e di Base

Il miglioramento dello stato nutrizionale, che può aiutare a prevenire l’osteoporosi, può essere valutato utilizzando l’indice di massa cellulare corporea (BCM), misurato mediante il metodo dell’impedenza bioelettrica (BIA).

Un recente studio trasversale condotto in Giappone ha studiato l’associazione tra osteoporosi e quattro componenti della composizione corporea, inclusa la BCM.

Lo studio ha incluso 600 partecipanti sottoposti a misurazioni dello stato osseo mediante ultrasuoni quantitativi e composizione corporea con la BIA a un controllo sanitario annuale.

I ricercatori hanno poi confrontato i pazienti con parametri ossei normali e quelli con osteoporosi.

C’erano 414 normali e 186 partecipanti con osteoporosi.

Le differenze significative tra i due gruppi sono state:

– età

– sesso

– altezza

– peso

– BCM

– contenuto di acqua extracellulare (ECW)

– minerali

anche dopo aggiustamento per età e sesso.

 

All’analisi di regressione logistica, BCM, età e ECW erano fattori di rischio significativi per l’osteoporosi.

BCM ed ECW nei maschi e BCM e età nelle femmine erano fattori di rischio significativi per l’osteoporosi.

Dei quattro componenti della composizione corporea misurati con BIA, la BCM era un fattore di rischio significativo in entrambi i sessi per l’osteoporosi. La BCM può essere facilmente misurata con l’impedenziometria in multifrequenza e può essere utile nella prevenzione e nel trattamento dell’osteoporosi.

 

 

Autori: Tanaka S, Ando K, Kobayashi K, Seki T, Hamada T, Machino M, Ota K, Morozumi M, Kanbara S, Ito S, Ishiguro N, Hasegawa Y, Imagama S.

Fonte: Mod Rheumatol. 2019 Mar 5:1-17. doi: 10.1080/14397595.2019.1589911

Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30836039

Tags:
Categories:

Prima la depressione e poi l’obesita’?

obesQueste associazioni sono state indagate in 2126 soggetti inclusi nel Netherlands Study of Depression and Anxiety. Si procedeva considerando al basale  l’eventuale associazione tra la gravità della depressione (Inventory of Depressive Symptoms) o dell’ansia (Beck Anxiety Inventory) al confronto con i cambiamenti dei lipidi plasmatici (colesterolemia totale HDL, LDL e trigliceridi) e la misura della circonferenza vita nel corso di 2 anni di follow-up. E’ stata quindi condotta un’analisi multivariata eliminando i fattori confondenti come età, sesso, istruzione e tabagismo. Si è così, in sintesi, evidenziato che per la depressione grave, si confermavano le correlazioni negative con l’aumento del colesterolo totale e della circonferenza vita, ma la riduzione dei sintomi depressivi non sembrava coincidere con un miglioramento della misura della circonferenza vita, o dei livelli di colesterolo HDL e, nel tempo, un aumento dell’obesità addominale non corrispondeva a una potenziale riduzione della gravità dei sintomi depressivi. Di conseguenza, queste persone sono a rischio prolungato e crescente per le dislipidemie e l’obesità, che, a loro volta, li predispongono a malattie cardiovascolari.

Fonte:http://www.ncb.nlm.nih.gov/pubmed/23197842 Psychosom 2012 Nov 28. [Epub ahead of print]Longitudinal Relationship of Depressive and Anxiety Symptoms With Dyslipidemia and Abdominal Obesity.

Tags:
Categories: