• Lun - Ven dalle 9:00 a 19:00

  • Via Atto Vannucci, 13 - 50134 Firenze

  • 348 6936286 - 055 241106

Pasta, sì o no? Si, senza esagerare!

– È stato esplorato l’effetto di due diete mediterranee a bassa energia sul peso corporeo.

– Le diete mediterranee differivano per l’assunzione di pasta (bassa o alta).

– La riduzione del peso corporeo è stata osservata in entrambi i gruppi dopo un intervento di 6 mesi.

– Entrambe le diete hanno migliorato l’antropometria, i parametri fisiologici e le abitudini alimentari.

 

L’effetto del consumo di pasta all’interno di una dieta mediterranea ipocalorica sulla regolazione del peso corporeo è stato appena esplorato.  I ricercatori italiani hanno esaminato l’effetto di due diete mediterranee, che differivano per l’assunzione di pasta inferiore o superiore, sulla variazione del peso corporeo negli individui con obesità.

 

Hanno partecipato quarantanove volontari che sono stati sottoposti a un intervento dietetico di gruppo di due mesi. I partecipanti sono stati assegnati ad un gruppo “pasta alta” (HP) a bassa energia o ad un gruppo “pasta bassa” (LP) a bassa energia, sulla base della loro assunzione di pasta (HP ≥ 5 o LP ≤ 3 volte / settimana).

 

Antropometria, pressione sanguigna e frequenza cardiaca sono stati misurati ogni mese.

 

Il mantenimento del peso corporeo è stato verificato al mese 12.

 

La composizione corporea (analisi dell’impedenza bioelettrica, BIA), assunzione di cibo (recall di 24 ore più un record di carboidrati di 7 giorni) e qualità della vita percepita (indagine sulla salute in forma abbreviata di 36 elementi, SF -36) sono stati valutati al basale, a 3 e 6 mesi. Sono stati raccolti campioni di sangue al basale e al mese 6 per valutare il metabolismo del glucosio e dei lipidi.

 

Dopo un intervento di 6 mesi, la riduzione del peso corporeo era rispettivamente di -10 ± 8% e -7 ± 4% nella dieta HP e LP ed è rimasta simile al mese 12.

 

Entrambi gli interventi dietetici hanno migliorato i parametri antropometrici, la composizione corporea, il glucosio e i lipidi, ma non sono state osservate differenze significative tra i gruppi di trattamento. Non sono state osservate differenze per la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca tra i trattamenti e tra i tempi. La dieta HP ha migliorato significativamente la percezione della qualità della vita per il componente fisico.

 

Quindi, concludono i ricercatori, indipendentemente dalla frequenza di consumo di pasta, le diete mediterranee ipocaloriche hanno avuto successo nel miglioramento di antropometria, parametri fisiologici e abitudini alimentari dopo un intervento di perdita di peso di 6 mesi.

 

 

Autori: Alice Rosi, Margherita Tesan, Annalaura Cremonini et Al.

Fonte: Nutr Metab Cardiovasc Dis. 2020 Feb 24;S0939-4753(20)30061-2. doi: 10.1016/j.numecd.2020.02.013

Link della fonte: https://www.nmcd-journal.com/article/S0939-4753(20)30061-2/pdf

 

Tags:
Categories:

Rimodellare il corpo: uno studio con le proteine del siero del latte.

Lo scopo di questo studio portoghese era di valutare l’associazione tra l’integrazione di proteine ​​del siero del latte, la composizione corporea e la forza muscolare, in individui addestrati alla resistenza.

Quarantanove maschi sani, di età compresa tra i 18 ei 35 anni che si sono impegnati in un allenamento di resistenza per almeno un anno, sono stati divisi in due gruppi in base all’assunzione di proteine ​​del siero di latte.

Utilizzando un disegno dello studio in sezione trasversale, è stata eseguita una valutazione al mattino della massa grassa corporea (FM) e della forza.

La valutazione nutrizionale è stata eseguita da diari alimentari di 3 giorni. Per quanto riguarda le abitudini alimentari, sono state osservate differenze tra l’apporto energetico totale (kcal) e il fabbisogno energetico stimato (kcal).

I risultati, provenienti sia dai dati grezzi che dal controllo per l’assunzione di energia, il fabbisogno energetico stimato o la percentuale raggiunta di fabbisogno energetico, hanno dimostrato che l’integrazione di proteine ​​del siero era inversamente correlata con FM. Non è stata trovata nessuna correlazione tra i risultati della forza muscolare e l’integrazione di proteine ​​del siero del latte.

I dati attuali suggeriscono che l’assunzione di proteine ​​del siero di latte si associ inversamente con FM di tutto il corpo e regionale (tronco e androide).

Insomma, più proteine, meno pancia!

 

 

Autori: Batista A, Monteiro CP, Borrego R, Matias CN, Teixeira FJ, Valamatos MJ, Oliveira AC, Reis JF, Mendes L, Sardinha LB.

Fonte: Appl Physiol Nutr Metab. 2018 Jun 15. doi: 10.1139/apnm-2018-0143.

link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29906403

Tags:
Categories:

Ragazzini, già obesi e ossidati: uno studio sui ragazzi pre-pubertà.

L’obesità è accompagnata dalla formazione di radicali liberi dell’ossigeno, la cui attività  senza efficaci meccanismi di difesa può portare a stress ossidativo e complicanze correlate.

Il gruppo di ricercatori polacchi ha valutato la presenza di stress ossidativo nei bambini prepuberti obesi.

Lo studio ha incluso 83 bambini sani di età compresa tra 2-10 anni (62 con obesità e 21 controlli non obesi-sani). Sono stati misurati la capacità ossidante totale (TOC) nel siero, la capacità totale antiossidante (TAC), la lipoproteina a bassa densità ossidata (ox-LDL), i parametri lipidici, il glucosio e la proteina C reattiva (CRP). E’ stato calcolato l’indice di stress ossidativo (OSI).

La concentrazione di TOC nel sangue era significativamente maggiore (p <0,05) e la concentrazione di TAC era minore (p <0,05) nei bambini obesi.

OSI era più alta (p <0.01) nei soggetti obesi rispetto ai controlli.

I livelli di CRP erano normali in tutti i bambini, ma il valore CRP mediano era più elevato (p <0.01) ei livelli di colesterolo HDL erano inferiori (p <0.05) nel gruppo di quelli obesi. In questo gruppo inoltre si è trovata una correlazione negativa tra TAC e concentrazioni di ox-LDL (r = -0,27, p <0,05). Inoltre, la durata dell’obesità è stata positivamente correlata con il livello di TOC (r = 0,32, p <0,05) in questo gruppo.

Lo stress ossidativo correlato all’obesità si verifica già nella prepubescenza.

La diagnosi precoce dell’obesità e l’implementazione di strategie nutrizionali per ridurre sia l’obesità che i radicali liberi nei ragazzi sono fondamentali.

Permettono di evitare che, da grandi, questi ragazzi sviluppino complicanze multi-organo legate allo stress ossidativo, quali le malattie cardiovascolari, l’aterosclerosi, il diabete, la NAFLD ecc…

 

 

Autori: Rowicka G, Dyląg H, Ambroszkiewicz J, Riahi A, Weker H, Chełchowska M

Fonte: Oxid Med Cell Longev. 2017;2017:5621989. doi: 10.1155/2017/5621989. Epub 2017 Aug 20.

Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28904738

Tags:
Categories: