• Lun - Ven dalle 9:00 a 19:00

  • Via Atto Vannucci, 13 - 50134 Firenze

  • 348 6936286 - 055 241106

Fattori che rallentano il tuo metabolismo

Il metabolismo, in particolare il metabolismo basale (a riposo), si può definire come l’insieme di energia che consumiamo per far funzionare correttamente il nostro organismo: per far battere il cuore, utilizzare i polmoni per respirare, far circolare il sangue, etc.

Aumentare il metabolismo è spesso il desiderio più grande di chi è obeso o sovrappeso oppure di chi vuole semplicemente perdere un paio di chili, perché vorrebbe dire poter consumare maggiori calorie più velocemente, cioè bruciare in modo più rapido l’energia introdotta con l’alimentazione. Tuttavia, la velocità con cui il nostro corpo brucia calorie dipende da moltissimi fattori e molti di questi possono essere indipendenti da noi, per esempio:

 

la genetica, alcune persone ereditano un metabolismo più veloce rispetto ad altre;

il sesso, per costituzione gli uomini tendono a bruciare più calorie rispetto alle donne, anche durante il riposo;

l’invecchiamento, poiché il metabolismo rallenta costantemente dopo i quarant’anni;

le stagioni fredde, in quanto l’ inverno, caratterizzato da buio e freddo, rallenta fisiologicamente il nostro metabolismo.

Esistono poi altri fattori che possono condizionare in modo negativo il nostro metabolismo ma, fortunatamente, sulla maggior parte di questi possiamo intervenire.

 

Fattori che rallentano il tuo metabolismo

Adottare diete fortemente ipocaloriche

In molti pensano che per dimagrire basti ridurre al minimo le calorie giornaliere, adottando diete fortemente ipocaloriche e mangiando come “uccellini”. In questi casi, la risposta dell’organismo sarà abbassare il metabolismo come meccanismo di difesa, quindi il dispendio energetico diminuisce e aumenta la capacità di assorbire i nutrienti dai cibi (una capacità che abbiamo sviluppato nel tempo per resistere ai periodi di carestia). Abituato a consumare di meno, poiché introdotta energia in quantità inferiore rispetto al solito, l’organismo non perdonerà nessuno “ sgarro alimentare ” (es. una fetta di torta farcita, una pizza molto condita, un aperitivo , etc.), che sarà subito immagazzinato e diventerà più difficile da eliminare. Una restrizione calorica eccessiva è quindi controproducente. Per dimagrire correttamente occorre non introdurre più calorie di quante effettivamente se ne consumano, quindi rispettare il proprio bilancio energetico

Lasciando passare troppo tempo tra un pasto e l’altro, come per il punto precedente, il nostro corpo tende a diminuire il suo metabolismo per fronteggiare la temporanea carenza di nutrienti. Fare due spuntini al giorno è molto importante: per spezzare la fame si possono consumare verdure crude (carote, sedani, finocchi, cetrioli, etc.), che aiutano a rispettare il bilancio energetico per lo scarso apporto calorico e tengono a bada il senso di fame con la loro fibra saziante. Bisogna però evitare spuntini notturni e, in generale, è consigliata una cena leggera (circa il 25% delle calorie giornaliere) ed aspettare almeno un’ora prima di coricars . Durante il riposo, infatti, il metabolismo si riduce e molte delle calorie ingerite, non essendo necessarie nell’immediato, vengono immagazzinate nei tessuti di riserva energetica. Attenzione anche a chi soffre di reflusso gastroesofageo e cattiva digestione, poiché mangiare appena prima di andare a dormire può favorire il disturbo.

Mangiare velocemente

Mangiare troppo rapidamente ci impedisce di masticare i cibi in modo corretto, inoltre ingoiamo molta aria che può causare meteorismo (aerofagia) e aumentano anche le difficoltà digestive. Questo rallenterà il metabolismo, che deve sopperire a delle richieste energetiche maggiori per la digestione laboriosa.

Mangiare poche proteine

Il metabolismo basale, cioè la quantità minima di energia richiesta dal nostro organismo per mantenere attive le funzioni fisiologiche vitali, dipende molto dalla nostra composizione corporea. Avere più massa muscolare (massa magra) significa avere meno massa grassa (misura la tua con questo strumento facile e veloce) ed è proprio la massa magra che è in grado di bruciare le calorie sia durante l’attività fisica, sia in fase di riposo, ad esempio stando seduti sul divano. Avere una buona massa muscolare significa quindi avere un metabolismo più veloce e “performante” . Per ottenere un corretto sviluppo muscolare bisogna seguire una dieta con un adeguato apporto proteico.

L’ acqua è in grado di attivare i meccanismi fisiologici della termogenesi, ossia la produzione di calore con un aumento del dispendio energetico. L’effetto dell’acqua sul nostro metabolismo è però di breve durata: ecco perché l’indicazione dietetica è di bere almeno 2 L al giorno di acqua distribuita equamente durante la giornata. Oltre a bere tanto, è consigliabile consumare molta frutta e verdura, in modo che gli antiossidanti contenuti in questi cibi favoriscano l’eliminazione di tossine che si accumulano nel nostro organismo per cause di diversa natura (inquinamento, fumo attivo e passivo, conservanti, sofisticazioni alimentari, etc.).

Mangiare troppi zuccheri semplici

Tra i carboidrati, è bene preferire quelli complessi (pasta, pane, riso, cereali in genere, etc.) preferibilmente integrali e limitare il consumo di zuccheri semplici (zucchero di tutti i tipi, miele, marmellate e creme spalmabili, alimenti come merendine, biscotti, etc.), soprattutto di sera. Un eccesso di zuccheri semplici (con alto indice glicemico) favorisce l’accumulo di grasso causando, a lungo andare, l’insulino-resistenza. Ricorda anche che gli zuccheri in eccesso, cioè quelli che non vengono consumati dall’organismo, si trasformano in trigliceridi e aumentano i grassi di deposito. Questa condizione tende a ridurre il metabolismo.

Essere sedentari

I muscoli bruciano molte calorie, anche stando fermi, quindi più sono sviluppati e più calorie bruceranno. Il muscolo è infatti un tessuto vivo, in continuo rinnovamento e con richieste metaboliche nettamente superiori (quasi di dieci volte) rispetto al tessuto adiposo (grasso). Per avere buoni muscoli bisogna praticare attività fisica regolarmente e con continuità, minimo 150 minuti a settimana, ottimali 300 minuti. Utili esercizi di tonificazione ed esercizi aerobici (es. corsa, nuoto, ciclismo, etc.) da alterare ad esercizi di rinforzo muscolare (anaerobici). Svolgere attività fisica è salutare per tutti, giovani e meno giovani, e il metabolismo ne trae un sostanziale beneficio.

Avere problemi ormonali

Nel caso di ipotiroidismo (la tiroide funziona poco), il metabolismo basale può rallentare drasticamente. Tuttavia, alimenti ricchi di iodio, come pesce e crostacei, aiutano la funzionalità tiroidea e, di conseguenza, possono agire in modo positivo anche sul metabolismo. Ricorda che lo iodio non si respira, ma si introduce attraverso il pesce.

Altri alimenti come il peperoncino, alcune spezie piccanti come lo zenzero, il the verde, il caffè e il cioccolato contengono sostante naturali che possono, seppur solo temporaneamente, aumentare leggermente il metabolismo. Tuttavia, bisogna fare attenzione a non abusare soprattutto di caffè e cioccolato perché possono causare effetti indesiderati (agitazione, nervosismo, insonnia nel caso del caffè e aumento di peso nel caso del cioccolato).

Assumere farmaci sedativi

Alcuni farmaci sedativi possono rallentare il metabolismo

Dott.ssa Laura Iorio , medico specializzato in Scienze dell’Alimentazione.

 

Tags:
Categories:

Salute dell’osso con la BIA in multifrequenza!

Si può predire l’osteoporosi attraverso la riduzione della massa cellulare? Risponde uno studio trasversale giapponese

Ricerca Clinica e di Base

Il miglioramento dello stato nutrizionale, che può aiutare a prevenire l’osteoporosi, può essere valutato utilizzando l’indice di massa cellulare corporea (BCM), misurato mediante il metodo dell’impedenza bioelettrica (BIA).

Un recente studio trasversale condotto in Giappone ha studiato l’associazione tra osteoporosi e quattro componenti della composizione corporea, inclusa la BCM.

Lo studio ha incluso 600 partecipanti sottoposti a misurazioni dello stato osseo mediante ultrasuoni quantitativi e composizione corporea con la BIA a un controllo sanitario annuale.

I ricercatori hanno poi confrontato i pazienti con parametri ossei normali e quelli con osteoporosi.

C’erano 414 normali e 186 partecipanti con osteoporosi.

Le differenze significative tra i due gruppi sono state:

– età

– sesso

– altezza

– peso

– BCM

– contenuto di acqua extracellulare (ECW)

– minerali

anche dopo aggiustamento per età e sesso.

 

All’analisi di regressione logistica, BCM, età e ECW erano fattori di rischio significativi per l’osteoporosi.

BCM ed ECW nei maschi e BCM e età nelle femmine erano fattori di rischio significativi per l’osteoporosi.

Dei quattro componenti della composizione corporea misurati con BIA, la BCM era un fattore di rischio significativo in entrambi i sessi per l’osteoporosi. La BCM può essere facilmente misurata con l’impedenziometria in multifrequenza e può essere utile nella prevenzione e nel trattamento dell’osteoporosi.

 

 

Autori: Tanaka S, Ando K, Kobayashi K, Seki T, Hamada T, Machino M, Ota K, Morozumi M, Kanbara S, Ito S, Ishiguro N, Hasegawa Y, Imagama S.

Fonte: Mod Rheumatol. 2019 Mar 5:1-17. doi: 10.1080/14397595.2019.1589911

Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30836039

Tags:
Categories:

Rimodellare il corpo: uno studio con le proteine del siero del latte.

Lo scopo di questo studio portoghese era di valutare l’associazione tra l’integrazione di proteine ​​del siero del latte, la composizione corporea e la forza muscolare, in individui addestrati alla resistenza.

Quarantanove maschi sani, di età compresa tra i 18 ei 35 anni che si sono impegnati in un allenamento di resistenza per almeno un anno, sono stati divisi in due gruppi in base all’assunzione di proteine ​​del siero di latte.

Utilizzando un disegno dello studio in sezione trasversale, è stata eseguita una valutazione al mattino della massa grassa corporea (FM) e della forza.

La valutazione nutrizionale è stata eseguita da diari alimentari di 3 giorni. Per quanto riguarda le abitudini alimentari, sono state osservate differenze tra l’apporto energetico totale (kcal) e il fabbisogno energetico stimato (kcal).

I risultati, provenienti sia dai dati grezzi che dal controllo per l’assunzione di energia, il fabbisogno energetico stimato o la percentuale raggiunta di fabbisogno energetico, hanno dimostrato che l’integrazione di proteine ​​del siero era inversamente correlata con FM. Non è stata trovata nessuna correlazione tra i risultati della forza muscolare e l’integrazione di proteine ​​del siero del latte.

I dati attuali suggeriscono che l’assunzione di proteine ​​del siero di latte si associ inversamente con FM di tutto il corpo e regionale (tronco e androide).

Insomma, più proteine, meno pancia!

 

 

Autori: Batista A, Monteiro CP, Borrego R, Matias CN, Teixeira FJ, Valamatos MJ, Oliveira AC, Reis JF, Mendes L, Sardinha LB.

Fonte: Appl Physiol Nutr Metab. 2018 Jun 15. doi: 10.1139/apnm-2018-0143.

link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29906403

Tags:
Categories:

Obesità e disbiosi.

Fat Cells from adipose tissue. adipocytes. 3d render

Correggere il microbioma aiuta a perdere peso

L’uso degli integratori probiotici contenenti componenti prebiotici che ha come target il microbiota sta emergendo come un intervento promettente nell’approccio nutrizionale globale per ridurre l’obesità.

La perdita di peso risultante da diete a bassi carboidrati e ad alto contenuto proteico può essere significativa ma è stata anche collegata a effetti potenzialmente negativi sulla salute dovuti all’aumento della fermentazione batterica delle proteine ​​non digerite nel colon e ai successivi cambiamenti nella composizione del microbiota intestinale. Probabilmente una situazione di disbiosi da correggere.

 

Lo ha verificato uno studio clinico di intervento controllato con placebo valutando gli effetti di un integratore sinbiotico sulla composizione, la ricchezza e la diversità del microbiota intestinale e le associazioni delle specie microbiche con parametri di composizione corporea e biomarcatori dell’obesità in 20 partecipanti a un programma per perdere peso (10 con integratore, 10 controlli).

Il componente probiotico del sinbiotico utilizzato nello studio conteneva Lactobacillus acidophilus, Bifidobacterium lactis, Bifidobacterium longum e Bifidobacterium bifidum e il componente prebiotico era una miscela di galattooligosaccaride.

 

I risultati non hanno mostrato differenze statisticamente significative nella composizione corporea (massa corporea, BMI, massa grassa corporea, percentuale di grasso corporeo, massa magra corporea e contenuto minerale osseo) tra il gruppo placebo e il gruppo con l’integratore alla fine della sperimentazione clinica (3 mesi).

 

La supplementazione di simbiotici ha aumentato l’abbondanza di batteri intestinali associati a effetti positivi sulla salute, in particolare Bifidobacterium e Lactobacillus, e ha anche aumentato la ricchezza del microbiota intestinale.

 

Alla fine della sperimentazione è stata osservata una tendenza decrescente nella diversità del microbiota intestinale tra il gruppo placebo e i sinbiotici, che può implicare l’effetto della dieta ricca di proteine ​​a basso contenuto di carboidrati utilizzata nel programma di perdita di peso.

L’analisi di regressione eseguita per correlare l’abbondanza di specie dopo l’integrazione con i parametri della composizione corporea e i biomarcatori dell’obesità ha trovato un’associazione tra una diminuzione nel tempo della glicemia e un aumento dell’abbondanza di Lactobacillus, in particolare nel gruppo sinbiotico. La riduzione nel tempo della massa corporea, dell’IMC, della circonferenza vita e della massa grassa è stata associata a una diminuzione dell’abbondanza di Bifidobacterium.

 

I risultati ottenuti supportano la conclusione che il supplemento simbiotico utilizzato in questo studio clinico modula il microbiota intestinale umano aumentando l’abbondanza di microbici potenzialmente benefici.

 

 

Autori: Igor N Sergeev, Thamer Aljutaily, Gemma Walton, Eduardo Huarte

Fonte:  Nutrients, 12 (1) 2020 Jan 15 PMID: 31952249 DOI: 10.3390/nu12010222

Link della fonte: https://www.mdpi.com/2072-6643/12/1/222

 

Tags:
Categories:

Integrazione proteica di genere: le proteine del siero del latte sono più efficaci nelle donne.

Le indagini scientifiche sulla fase post-prandiale possono svelare i meccanismi biologici e gli effetti particolari dei nutrienti e, quindi, anche degli integratori.

Per quanto riguarda l’integrazione proteica, alte dosi di proteine ​​del siero di latte consumate come pre-carico prima dei singoli pasti ad alto carico glicemico hanno dimostrato di migliorare la glicemia post-prandiale nel diabete di tipo 2, di stimolare il rilascio di insulina e aumentare la sazietà negli uomini con diabete di tipo 2. Pare però che un intervento dietetico con una dieta fortemente ipocalorica abbia effetti diversi sul dimagrimento di uomini e donne. Qui i dettagli. In pratica il grasso va via da dove si è accumulato, ovvero a livello dei fianchi per le donne e a livello del tronco negli uomini. Lo studio ha però rilevato che le donne hanno anche perso il doppio della massa magra degli uomini!

Nell’ambito di diete fortemente ipocaloriche, l’integrazione proteica permette il mantenimento della massa muscolare, in gran parte regolato dall’aumento postprandiale dei tassi di sintesi delle proteine ​​muscolari. Chissà se questo processo avviene in modo diverso tra uomini e donne?La risposta arriva da un articolo appena pubblicato sul Journal of Clinical  Endocrinology & Metabolism. Si tratta di uno studio olandese in cui uomini e donne sani di mezza età, non sovrappeso (BMI 23,4 e 21,3 rispettivamente) hanno ricevuto infusioni continue di fenilalanina e tirosina marcate e hanno ingerito 25 g di proteina del siero di latte con fenilalanina marcata. Sono stati raccolti campioni di sangue e biopsie muscolari per valutare la digestione delle proteine ​​alimentari e la cinetica di assorbimento degli amminoacidi, nonché i tassi di sintesi delle fibre miofibrillari basali e postprandiali.

Risultati interessanti: le concentrazioni plasmatiche di fenilalanina e leucina aumentano rapidamente dopo l’ingestione di proteine, senza differenze tra donne e uomini, dimostrando pari digestione e assorbimento. La frazione di fenilalanina derivata dalle proteine ​​alimentari che è apparsa in circolo nel periodo postprandiale a 5 ore in media era di 56 ± 1 e 53 ± 1% nelle donne e negli uomini, rispettivamente.

Anche i tassi di sintesi delle proteine ​​miofibrillari sono aumentati sia nelle donne che negli uomini, ma la sintesi delle proteine ​​miofibrillari postprandiali era più elevata nelle donne. Le donne hanno mostrato una maggiore sintesi delle proteine ​​miofibrillari già durante il periodo precoce (0-2 h) postprandiale rispetto agli uomini.

Quindi uomini e donne assorbono le proteine del siero di latte allo stesso modo, ma le donne le utilizzano meglio per la sintesi delle proteine muscolari.

Nelle donne è quindi molto utile integrare una dieta fortemente ipocalorica con le proteine del siero del latte!

 

 

Autori: Horstman  AMH, Kouw IWK, van Dijk JW, Hamer HM, Groen BBL, van Kranenburg J, Gorissen SHM, van Loon LJC

Fonte: J Clin Endocrinol Metab. 2018 Nov 12. doi: 10.1210/jc.2018-01734.

Tags:
Categories: