• Lun - Ven dalle 9:00 a 19:00

  • Via Atto Vannucci, 13 - 50134 Firenze

  • 348 6936286 - 055 241106

Obesi sani, ma forse no.

Un sottogruppo di individui obesi, denominato “obeso metabolicamente sano” (MHO), ha un profilo metabolico favorevole caratterizzato da elevata sensibilità all’insulina, basso contenuto di tessuto adiposo viscerale, meno grasso epatico, pressione sanguigna normale, lipidi, profili infiammatori, ormonali e immunologici favorevoli pur avendo un eccesso di grasso corporeo.

In generale, questi soggetti hanno un rischio inferiore di diabete e malattie cardiovascolari rispetto agli individui obesi con anomalie metaboliche.

Recentemente, la natura benigna del fenotipo MHO a lungo termine ha iniziato a essere messa in discussione.

Il tessuto adiposo è un organo endocrino responsabile della secrezione di molecole bioattive, le adipochine, che contribuiscono al processo infiammatorio, che può portare a complicanze cardiometaboliche associate all’obesità. Le persone con MHO sembrano essere protette o sono più resistenti allo sviluppo di queste complicanze.

Combinare una dieta mediterranea con un allenamento aerobico moderato-intenso è efficace nel migliorare la composizione corporea, ma nessuno studio ha analizzato se i livelli di adipochina e il profilo infiammatorio presentassero variazioni significative nei soggetti con MHO.

Lo ha indagato un gruppo spagnolo che ha considerato 115 donne (35-55 anni) con BMI di 30-40 kg / m 2 e ≤1 criteri della sindrome metabolica. Dopo un intervento di 2 anni basato su dieta e esercizio, le partecipanti sono state classificate in base alla percentuale di perdita di peso.

Analizzando adipochine e biomarcatori infiammatori, è stato riscontrato che solo la CRP (correlazione inversa) e l’adiponectina (correlazione diretta) hanno mostrato di essere legati all’aderenza alla dieta mediterranea dopo 2 anni di intervento.

La perdita di peso clinicamente significativa nelle donne MHO porta a un miglioramento limitato dei livelli sierici di adipochine e di biomarcatori infiammatori.

Il fenotipo MHO come sottogruppo resistente ai disturbi metabolici associati all’obesità, non migliora sostanzialmente il profilo metabolico con la perdita di peso. Ma stiamo parlando di profili metabolici sani, in cui l’adiponectina probabilmente diminuisce per perdita del tessuto adiposo che la genera.

In ogni caso, i markers infiammatori si riducono, nonostante la diminuzione della adiponectina (conosciuta per avere proprietà antinfiammatorie).

 

 

Autori: Gomez-Huelgas R, Ruiz-Nava J, Santamaria-Fernandez S, Vargas-Candela A, Alarcon-Martin AV,  Tinahones FJ, Bernal-Lopez MR.

Fonte: Mediators Inflamm. 2019 Apr 9;2019:4165260. doi: 10.1155/2019/4165260

Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6481026/

Tags:
Categories:

Pasta, sì o no? Si, senza esagerare!

– È stato esplorato l’effetto di due diete mediterranee a bassa energia sul peso corporeo.

– Le diete mediterranee differivano per l’assunzione di pasta (bassa o alta).

– La riduzione del peso corporeo è stata osservata in entrambi i gruppi dopo un intervento di 6 mesi.

– Entrambe le diete hanno migliorato l’antropometria, i parametri fisiologici e le abitudini alimentari.

 

L’effetto del consumo di pasta all’interno di una dieta mediterranea ipocalorica sulla regolazione del peso corporeo è stato appena esplorato.  I ricercatori italiani hanno esaminato l’effetto di due diete mediterranee, che differivano per l’assunzione di pasta inferiore o superiore, sulla variazione del peso corporeo negli individui con obesità.

 

Hanno partecipato quarantanove volontari che sono stati sottoposti a un intervento dietetico di gruppo di due mesi. I partecipanti sono stati assegnati ad un gruppo “pasta alta” (HP) a bassa energia o ad un gruppo “pasta bassa” (LP) a bassa energia, sulla base della loro assunzione di pasta (HP ≥ 5 o LP ≤ 3 volte / settimana).

 

Antropometria, pressione sanguigna e frequenza cardiaca sono stati misurati ogni mese.

 

Il mantenimento del peso corporeo è stato verificato al mese 12.

 

La composizione corporea (analisi dell’impedenza bioelettrica, BIA), assunzione di cibo (recall di 24 ore più un record di carboidrati di 7 giorni) e qualità della vita percepita (indagine sulla salute in forma abbreviata di 36 elementi, SF -36) sono stati valutati al basale, a 3 e 6 mesi. Sono stati raccolti campioni di sangue al basale e al mese 6 per valutare il metabolismo del glucosio e dei lipidi.

 

Dopo un intervento di 6 mesi, la riduzione del peso corporeo era rispettivamente di -10 ± 8% e -7 ± 4% nella dieta HP e LP ed è rimasta simile al mese 12.

 

Entrambi gli interventi dietetici hanno migliorato i parametri antropometrici, la composizione corporea, il glucosio e i lipidi, ma non sono state osservate differenze significative tra i gruppi di trattamento. Non sono state osservate differenze per la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca tra i trattamenti e tra i tempi. La dieta HP ha migliorato significativamente la percezione della qualità della vita per il componente fisico.

 

Quindi, concludono i ricercatori, indipendentemente dalla frequenza di consumo di pasta, le diete mediterranee ipocaloriche hanno avuto successo nel miglioramento di antropometria, parametri fisiologici e abitudini alimentari dopo un intervento di perdita di peso di 6 mesi.

 

 

Autori: Alice Rosi, Margherita Tesan, Annalaura Cremonini et Al.

Fonte: Nutr Metab Cardiovasc Dis. 2020 Feb 24;S0939-4753(20)30061-2. doi: 10.1016/j.numecd.2020.02.013

Link della fonte: https://www.nmcd-journal.com/article/S0939-4753(20)30061-2/pdf

 

Tags:
Categories:

Il quartetto del pericolo: dieta, microbiota, obesità e NAFLD lavorano insieme.

La steatosi non alcolica (NAFLD) associata all’obesità è la pandemia epatica del nostro secolo.

La disbiosi favorisce l’obesità attraverso la modulazione della energia introdotta con la dieta, nonché attraverso la modulazione diretta del tessuto adiposo e del metabolismo epatico.

La disbiosi può perturbare la colina e il metabolismo degli acidi biliari, con effetti negativi sul fegato. Può intaccare la barriera intestinale, e prodotti batterici possono indurre tossicità sistemica, tra cui quella epatica, favorendo gli stati pro-infiammatori e il danno al fegato.

Diverse prove collegano la NAFLD alla disbiosi; per esempio NAFLD è associata a proliferazione batterica dell’intestino tenue, all’aumento della permeabilità intestinale e endotossemia. Inoltre, in modelli animali di NAFLD / NASH, così come nei pazienti, la composizione del microbiota intestinale tende ad essere diversa da quella dei soggetti sani.

La flora intestinale ha enormi influenze sul metabolismo, ed è cruciale per il nostro benessere e la salute. I microrganismi precedono gli esseri umani di oltre 400 milioni di anni e la nostra flora si è evoluta con noi per aiutarci ad affrontare i microrganismi aggressori, per aiutare a massimizzare l’energia che può essere tratta da sostanze nutritive e per produrre nutrienti / vitamine essenziali che non potremmo produrre senza. Tuttavia, la nostra flora intestinale può essere disturbata, e diventare essa stessa una fonte di stress e lesioni.

La disbiosi può influire negativamente sul metabolismo e le risposte immunitarie favorendo disturbi quali l’obesità e malattie correlate all’obesità, come l’insulino-resistenza / diabete mellito e NAFLD.

Agire sul microbiota è una delle strategie possibili: ci sono grandi aspettative sul ruolo dei probiotici / simbiotici nella modulazione della flora intestinale e sul loro possibile ruolo terapeutico.

Nonostante l’entusiasmo, gli studi disponibili sono di piccole dimensioni, eterogenei, a breve termine, e non affrontano adeguatamente istologia / rischio per la malattia epatica progressiva.

Cosa può fare la dieta?

Sia la qualità che la quantità della nostra dieta modulano fortemente la flora intestinale. Diverse diete si associano con diverse composizioni del microbiota.

Gli studi sugli esseri umani hanno dimostrato che i cambiamenti da dieta del microbiota intestinale si verificano subito, in tre o quattro giorni. In uno studio clinico, una dieta formata interamente da prodotti vegetali in soli cinque giorni ha mutato la composizione della flora intestinale.

Un altro studio con una dieta di tre giorni a alto o basso contenuto calorico, quando ha indotto un aumento dell’apporto energetico, si è riscontrato un aumentato rapporto Firmicutes / bacteroidetes, correlato con una diminuzione della percentuale di perdita di energia nelle feci. Parallelamente, diete arricchite in fibre si associano con un aumento della perdita fecale di energia. Tuttavia, dopo l’arresto la dieta, il microbiota è tornato rapidamente allo stato basale.

Allo stesso modo, un intervento dietetico in soggetti obesi o in sovrappeso con una dieta ricca di proteine ​​ipocalorica per sei settimane ha aumentato la diversità delle specie nell’intestino, con diminuzione dell’adiposità. Alla fine della dieta, però, la composizione del microbiota è tornata allo stato basale. Per contro, le diete a lungo termine sono state in grado di indurre più profondi cambiamenti nella flora batterica rispetto a quelli a breve termine .Sia la composizione della dieta che la quantità di calorie ingerite influenza la flora intestinale. Questo suggerisce che è la dieta e non l’obesità il fattore critico che determina la flora intestinale.

 

 

 

 

Autori: Machado MV, Cortez-Pinto H

Fonte:. Int J Mol Sci. 2016 Apr 1;17(4). pii: E481. doi: 10.3390/ijms17040481

Link della fonte: http://www.mdpi.com/1422-0067/17/4/481/htm

Tags:
Categories:

Rimodellare il corpo: uno studio con le proteine del siero del latte.

Lo scopo di questo studio portoghese era di valutare l’associazione tra l’integrazione di proteine ​​del siero del latte, la composizione corporea e la forza muscolare, in individui addestrati alla resistenza.

Quarantanove maschi sani, di età compresa tra i 18 ei 35 anni che si sono impegnati in un allenamento di resistenza per almeno un anno, sono stati divisi in due gruppi in base all’assunzione di proteine ​​del siero di latte.

Utilizzando un disegno dello studio in sezione trasversale, è stata eseguita una valutazione al mattino della massa grassa corporea (FM) e della forza.

La valutazione nutrizionale è stata eseguita da diari alimentari di 3 giorni. Per quanto riguarda le abitudini alimentari, sono state osservate differenze tra l’apporto energetico totale (kcal) e il fabbisogno energetico stimato (kcal).

I risultati, provenienti sia dai dati grezzi che dal controllo per l’assunzione di energia, il fabbisogno energetico stimato o la percentuale raggiunta di fabbisogno energetico, hanno dimostrato che l’integrazione di proteine ​​del siero era inversamente correlata con FM. Non è stata trovata nessuna correlazione tra i risultati della forza muscolare e l’integrazione di proteine ​​del siero del latte.

I dati attuali suggeriscono che l’assunzione di proteine ​​del siero di latte si associ inversamente con FM di tutto il corpo e regionale (tronco e androide).

Insomma, più proteine, meno pancia!

 

 

Autori: Batista A, Monteiro CP, Borrego R, Matias CN, Teixeira FJ, Valamatos MJ, Oliveira AC, Reis JF, Mendes L, Sardinha LB.

Fonte: Appl Physiol Nutr Metab. 2018 Jun 15. doi: 10.1139/apnm-2018-0143.

link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29906403

Tags:
Categories:

Fame: l’avocado la fa diminuire.

Avocado al posto dei carboidrati raffinati, è questo il segreto per ridurre la fame e aumentare la soddisfazione dei pasti negli adulti sovrappeso e obesi. A rivelarlo è uno studio del Center for Nutrition Research dell’Illinois Institute of Technology che è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nutrients.

 

Gli studiosi sono arrivati a queste conclusioni dopo aver analizzato 31 adulti con problemi di peso ai quali è stato fatto mangiare il frutto fresco come sostituto dei carboidrati. E’ stato notato come ci sia stata anche una riduzione dei picchi di insulina e glicemia, riducendo ulteriormente il rischio di diabete e malattie cardiovascolari e aggiungendo grassi e fibre sane a una dieta quotidiana regolare.

 

La ricerca ha scoperto che i pasti con l’avocado hanno provocato una riduzione significativa della fame e un aumento del modo in cui i partecipanti si sentivano soddisfatti del loro pasto. Per gli studiosi statunitensi semplici cambiamenti nella dieta, proprio come questi, possono avere un impatto importante sulla gestione della fame e sul controllo metabolico specie in chi soffre di obesità e sovrappeso.

 

fonte Nutri&Previeni

Tags:
Categories: