Tè alla menta rinforza memoria, camomilla la ‘indebolisce’. Tu cosa bevi?

Bisogna fare sempre attenzione a ciò che si beve, specie durante le pause di lavoro, e non è solo una questione di zuccheri e calorie. Una nuova ricerca, infatti, condotta da Mark Moss e colleghi della Northumbria University e presentata a Nottingham nel corso della conferenza annuale della British Psychological Society, ha rivelato due effetti contrastanti del tè alla menta e della camomilla. In pratica, il tè alla menta rinforzerebbe la memoria, sia quella a lungo termine, sia la memoria di lavoro; mentre la camomilla, al contrario, oltre ai ben noti effetti sedativi sembra ridurre la memoria e la capacità di prestare attenzione.

Lo studio

Gli esperti hanno diviso un campione di 180 volontari in tre gruppi che dovevano bere rispettivamente tè alla menta, camomilla o semplice acqua calda. I ricercatori hanno testato memoria e capacità cognitive dei volontari prima e dopo che questi avevano sorseggiato gli infusi o l’acqua calda. E’ emerso che bevendo tè alla menta migliora la memoria, sia a lungo termine sia quella usata per compiere compiti, operazioni a mente, per esempio ricordare un numero di telefono per digitarlo, la cosiddetta memoria di lavoro. La camomilla non mostra effetti simili anzi, al contrario, è legata a ridotta memoria e ridotta attenzione. “E’ stato interessante – conclude Ross – vedere gli effetti opposti sulla cognizione dei due differenti infusi”. Gli effetti evidenziati in questi studi suggeriscono i benefici di un loro regolare utilizzo.

 

 

Patrizia Maria Gatti

Tags:
Categories:

Posted by Amelia La Malfa

Lascia il tuo commento

Per piacere inserire un commento
Inserisci il tuo nome.
Inserisci il tuo indirizzo email ".".
Ti preghiamo di inserire un indirizzo emeail valido.