• Lun - Ven dalle 9:00 a 19:00

  • Via Atto Vannucci, 13 - 50134 Firenze

  • 348 6936286 

Il pranzo di Pasqua con poche calorie anche nel tempo del Covid-19

pasquaAnche la Pasqua, come le principali festività, ha la tradizione del pranzo ,in famiglia o in compagnia di amici .(non ora,purtroppo).!

Cerchiamo di evitare gli eccessi  alimentari……..un consiglio fondamentale:mangiare ?Sicuramente si,ma porzioni ridotte .La tradizione italiana prevede in tavola agnello e capretto, carni bianche abbastanza magre se non cucinate in maniera ‘elaborata’.

Particolare attenzione alla preparazione dei cibi, gli ingredienti impiegati per cucinare carni e primi piatti (panna, burro, besciamella…) sono ricchi di grassi saturi; lo stesso vale anche per le salsine e le preparazioni a base di verdura, ma ricche di olio.

Per quanto riguarda l ‘uovo, che secondo la tradizione pasquale dovrebbe essere ‘sodo’, contiene proteine  nobili in poche calorie (un uovo corrisponde a un pezzettino di formaggio parmigiano da 20 gr), anche se di solito viene utilizzato come alternativa ad un secondo piatto. I cibi, in teoria, proibiti sono  colomba e uova di cioccolata, ma non possono mancare sulla tavola pasquale.

La colomba, nonostante l’aspetto, non è un dolce ‘leggero’ ed ha le stesse calorie del panettone;per cui … un angolino (un terzo di ala ) si può mangiare, ma non di più,lo stesso vale per  le uova di cioccolata : un pezzetto non fa male e ancor meglio se il cioccolato è fondente..

Il cioccolato è un alimento iper-calorico che può essere compreso in una dieta, in base ad un determinato fabbisogno energetico e nutrizionale : nel cacao sono presenti antiossidanti, che hanno effetti positivi sull’organismo .Ormai è risaputo , che non tutti i grassi saturi sono dannosi ed alcuni, presenti nel cioccolato,pare abbiano perfino un effetto neutro sul colesterolo nel sangue.

Inoltre il cioccolato favorisce il rilascio delle endorfine , i tranquillanti naturali dell’organismo e  probabilmente contiene altre sostanze che agiscono sull’umore. Consumato con moderazione il cioccolato dà nutrimento e piacere e può anche essere considerato come parte di una alimentazione sana ed equilibrata .Ma compriamo cioccolato di alta qualità e valutiamo la quantità del cacao .

Dopo il pranzo di Pasqua, la cena deve essere leggera. Non mangiare o seguire diete radicali non serve a niente. Se poi ,i suggerimenti non sono ascoltati  ,l’attività fisica è il rimedio giusto per affrontare gli eccessi.

A Pasquetta ,quest’anno a casa ,(si dovrebbero fare incantevoli passeggiate,con la complicità del bel tempo consumando così una parte delle calorie accumulate, anche se sarebbe meglio muoversi ogni giorno).
Finita la festa,non conservate i dolci pasquali nelle vostre dispense. Divideteli con parenti e amici,tutti saranno contenti!

Auguri.

 

Tags:
Categories:

Obesità e disbiosi.

Fat Cells from adipose tissue. adipocytes. 3d render

Correggere il microbioma aiuta a perdere peso

L’uso degli integratori probiotici contenenti componenti prebiotici che ha come target il microbiota sta emergendo come un intervento promettente nell’approccio nutrizionale globale per ridurre l’obesità.

La perdita di peso risultante da diete a bassi carboidrati e ad alto contenuto proteico può essere significativa ma è stata anche collegata a effetti potenzialmente negativi sulla salute dovuti all’aumento della fermentazione batterica delle proteine ​​non digerite nel colon e ai successivi cambiamenti nella composizione del microbiota intestinale. Probabilmente una situazione di disbiosi da correggere.

 

Lo ha verificato uno studio clinico di intervento controllato con placebo valutando gli effetti di un integratore sinbiotico sulla composizione, la ricchezza e la diversità del microbiota intestinale e le associazioni delle specie microbiche con parametri di composizione corporea e biomarcatori dell’obesità in 20 partecipanti a un programma per perdere peso (10 con integratore, 10 controlli).

Il componente probiotico del sinbiotico utilizzato nello studio conteneva Lactobacillus acidophilus, Bifidobacterium lactis, Bifidobacterium longum e Bifidobacterium bifidum e il componente prebiotico era una miscela di galattooligosaccaride.

 

I risultati non hanno mostrato differenze statisticamente significative nella composizione corporea (massa corporea, BMI, massa grassa corporea, percentuale di grasso corporeo, massa magra corporea e contenuto minerale osseo) tra il gruppo placebo e il gruppo con l’integratore alla fine della sperimentazione clinica (3 mesi).

 

La supplementazione di simbiotici ha aumentato l’abbondanza di batteri intestinali associati a effetti positivi sulla salute, in particolare Bifidobacterium e Lactobacillus, e ha anche aumentato la ricchezza del microbiota intestinale.

 

Alla fine della sperimentazione è stata osservata una tendenza decrescente nella diversità del microbiota intestinale tra il gruppo placebo e i sinbiotici, che può implicare l’effetto della dieta ricca di proteine ​​a basso contenuto di carboidrati utilizzata nel programma di perdita di peso.

L’analisi di regressione eseguita per correlare l’abbondanza di specie dopo l’integrazione con i parametri della composizione corporea e i biomarcatori dell’obesità ha trovato un’associazione tra una diminuzione nel tempo della glicemia e un aumento dell’abbondanza di Lactobacillus, in particolare nel gruppo sinbiotico. La riduzione nel tempo della massa corporea, dell’IMC, della circonferenza vita e della massa grassa è stata associata a una diminuzione dell’abbondanza di Bifidobacterium.

 

I risultati ottenuti supportano la conclusione che il supplemento simbiotico utilizzato in questo studio clinico modula il microbiota intestinale umano aumentando l’abbondanza di microbici potenzialmente benefici.

 

 

Autori: Igor N Sergeev, Thamer Aljutaily, Gemma Walton, Eduardo Huarte

Fonte:  Nutrients, 12 (1) 2020 Jan 15 PMID: 31952249 DOI: 10.3390/nu12010222

Link della fonte: https://www.mdpi.com/2072-6643/12/1/222

 

Tags:
Categories:

Evviva i cibi detox

 Esistono alcuni alimenti che possono migliorare i meccanismi fisiologici di depurazione e disintossicazione dell’organismo

Però, al fine di mantenere  il nostro corpo sano e libero da tossine non basta consumare alimenti detox;  è necessario, infatti, seguire uno stile di vita attivo e una dieta sana,scansando tutte quelle sostanze che concorrono a “intossicare” l’organismo: alcol, fumo di sigarette, cibo spazzatura.

 

Alimenti detox

Uno dei più noti rimedi per disintossicare l’organismo consiste nel bere un bicchiere di  acqua tiepida con succo di limone, al mattino, a digiuno.

Il limone, infatti, ha proprietà diuretiche che aiutano i processi di detossificazione di fegato e intestino facilitando, inoltre, il dimagrimento. L’azione dell’acqua calda con il succo di limone stimola la peristalsi intestinale e aiuta l’evacuazione, liberando l’intestino. Per assicurarsi il massimo beneficio i limoni devono essere maturi e vanno consumati subito dopo averli spremuti;  Tuttavia l’assunzione di acqua e limone al mattino dovrebbe essere periodica e collegata alle specifiche esigenze del periodo.

Le  verdure a foglia verde sono ricchissime di clorofilla, fibra alimentare, acqua e vitamine; tutte sostanze che favoriscono la depurazione dell’organismo.

Introdurle  nella dieta è facilissimo: basta presentarle  come contorno a pranzo o a cena, crude e condite semplicemente con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva, un pizzico di sale, aceto di mele o succo di limone.

È, però, importante scegliere verdure di stagione e provenienti da agricoltura biologica per evitare l’eventuale presenza di pesticidi.

I carciofi contengono cinarina, una sostanza che aiuta la diuresi e la secrezione biliare; sono, inoltre, ricchi di fibre e quindi utili per la regolarità intestinale.

L’ uva contiene molta acqua’oltre a zuccheri e a una buona quota di sali minerali e vitamine; ha proprietà depurative, disintossicanti, tonificanti e antiossidanti. Per beneficiare a pieno delle sue qualità, andrebbe consumata quando è ben matura e senza eliminare la buccia, né i semi.

I  semi di lino  forniscono acidi grassi e nutrienti utili alla disintossicazione dell’organismo;

Il  cardo mariano aiuta a liberare il fegato dalla tossine;

Alcune tisane e tè, per esempio il the bianco il  o una tisana a base di tarassaco , stimolano i meccanismi di depurazione dell’organismo;

i cerali integrali sono sempre preferibili a quelli raffinati perché più ricchi di fibre e di minerali;

I germogli aiutano a ripulire l’intestino e il fegato;

Le  mele ricchissime di pectina e di acqua aiutano a mantenere l’intestino pulito e a regolare il passaggio del glucosio dall’intestino al sangue.

In generale, un’alimentazione ricca di frutta, verdura e cereali integrali aiuta l’organismo e mantenersi sano e libero da sostanze dannose.

 

L’acqua per depurare

La depurazione dell’organismo non può escludere da un apporto sufficiente di acqua che deve essere scelta in base alle proprie necessità.

È rilevante anche il sistema in cui si spartisce l’acqua nel corso della giornata: bisognerebbe bere al mattino, a digiuno, e possibilmente lontano dai pasti nel corso di tutta la giornata.

 

Tags:
Categories:

I semi della salute

I semi racchiudono al loro interno la massima concentrazione di valori nutrizionali di una pianta, perché devono essere in grado di garantire la sopravvivenza della specie. Per questo motivo al loro interno è presente tutto il codice genetico e i primi nutrienti per far crescere la nuova piantina.

 

Numerosi tipi di semi vengono usati da millenni nell’alimentazione umana, come quelli dei cereali. Frumento, riso, segale e molti altri sono presenti praticamente in ogni pasto, e anche le leguminose come piselli, soia, fagioli e simili compaiono spesso sulle nostre tavole.

 

Quelli forse che trascuriamo di più sono i semi oleosi, come mandorle, noci, nocciole, semi di girasole, semi di sesamo e simili. Le caratteristiche dei semi sono piuttosto diverse: i cereali forniscono prevalentemente carboidrati; le leguminose apportano proteine in quantità anche maggiori rispetto alla carne; i semi oleosi, come fa capire il nome, sono particolarmente ricchi di lipidi, anche se in composizione e percentuale diversa.

 

Un altro particolare importante: i semi oleosi si possono mangiare anche crudi! Essi costituiscono uno spuntino ideale, e ne bastano pochi per dare un piacevole senso di sazietà ed una carica di energia, senza la pesantezza spesso trasmessa da altri cibi confezionati. Sono indicati soprattutto per bambini e sportivi.

 

 

Valori nutrizionali

I semi oleosi sono sicuramente calorici, ma si tratta di un falso problema. Infatti è necessario tenere in considerazione il rapporto tra i vari nutrienti, soprattutto di quelli più preziosi come vitamine, sali minerali, oligoelementi, enzimi, acidi grassi, flavonoidi. Tenendo conto di questi aspetti, è migliore un alimento con un numero maggiore di calorie ma molto ricco in micronutrienti e con buon effetto saziante, rispetto ad uno ipocalorico ma con “calorie vuote”, cioè scarso apporto di elementi indispensabili all’organismo e magari, per giunta, poco gratificante. Oltre tutto, uno studio americano di qualche anno fa ha dimostrato come la percentuale di obesità fosse minore tra la popolazione che mangiava abitualmente delle noci.

 

I semi oleosi sono anche importanti fonti di vitamina E (antiossidante) e di vitamine del gruppo B: in particolare, ricordiamo la B6 fondamentale per il sistema nervoso e la digestione, la B1, che assicura la salute del cuore, la B3 che contribuisce a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. I semi ci assicurano anche buone quantità di zinco e selenio, due minerali noti per la loro efficace azione antiossidante in grado di contrastare l’invecchiamento delle cellule.

 

Contengono anche una quantità di fibre tali da favorire un ottimo bilancio finale tra entrate e uscite. Bastano poche mandorle o noci oppure un cucchiaio di semi di girasole o di sesamo per darci un piacevole e abbastanza duraturo senso di sazietà e una sferzata di energia.

 

Ultimo ma non meno importante, sono una buona fonte di acidi grassi insaturi “omega”, protettivi a livello vasale e cardiaco. Contribuiscono anche a ridurre il tasso di colesterolo totale, soprattutto quello LDL (“cattivo”), alzando invece l’HDL, considerato protettore delle arterie.

 

Per chi sono indicati

Il consumo di semi è utile per i bambini, che ne traggono vantaggio per la crescita del corpo e lo sviluppo della mente; per gli adulti, in quanto rappresentano un’importante fonte di energia, oltre a migliorare l’umore ed evitare carenze di principi fondamentali per la salute; per le persone di una certa età, per potenziare la memoria, ridurre i livelli di colesterolo e migliorare la fluidità del sangue.

 

Per le donne, che ne traggono beneficio in caso di sindrome premestruale, e in gravidanza per avere a disposizione le sostanze che aiutano il feto a svilupparsi regolarmente.

 

di Michele Toffolon

Tags:
Categories:

Le bacche della fortuna

Sono quelle del vischio  (Viscum album) naturalmente ,pianta benefica fin  dall’antichità, affonda le sue radici nei miti più misteriosi Per i Celti il vischio era il simbolo della resurrezione, della sopravvivenza della vita alla morte, affascinati dalla sua vita completamente aerea, credevano fosse l’emanazione della divinità sulla Terra, panacea che cura tutti i mali.Per raccogliere ed usare il Vischio si attuavano una serie di cerimonie volte a celebrare la sopravvivenza dello spirito alla morte fisica. Per i druidi il rito che onorava l’immortalità dell’anima era in grado di associare il potere della medicina a quello della magia. Il fatto che il Vischio sia una pianta che non cresce a terra ma sugli alberi suscitava nella popolazione celtica un interesse, una curiosità ed un’adorazione del tutto particolari. Il ciclo vitale di questa pianta non tocca mai il terreno perché gli uccelli si cibano delle sue bacche e poi le trasportano da un albero all’altro. Germogliano solo i semi dei frutti che cadono sui rami mentre ciò non accade per quelli che cadono a terra. Tutto questo veniva interpretato dai druidi come una sorta di benedizione degli dei scesa sui primi mentre i secondi non godevano del consenso divino .Oggi il vischio è una pianta beneagurale utilizzata per decorare le porte e i vani di passaggio, è prassi scambiarsi un bacio se una coppia si trova sotto i suoi rami la mezzanotte del 31 dicembre; un tempo bruciare il vischio dell’anno vecchio significava propiziare i raccolti e tenere lontano la malasorte.La pianta è inoltre molto decorativa anche a feste passate, piano piano nel suo disseccarsi prende un bellissimo colore dorato!Tutte le parti della pianta sono tossiche; quindi bisogna fare attenzione ai bambini che, attirati dalla lucentezza perlacea delle bacche, potrebbero avere la tentazione di mangiarle!

 

BUON ANNO  !

 

 

Tags:
Categories: