• Via Atto Vannucci 13 - 50134 Firenze (FI)
  • Dal Lunedi - Mercoledi - Venerdi 15:00 - 19:00

Composizione corporea e gravidanza: la BIA è molto utile prima e dopo il parto

La gravidanza è un momento di cambiamenti significativi. Tali cambiamenti coinvolgono la composizione del corpo di una donna al fine di fornire supporto per la crescita e lo sviluppo del feto.

L’analisi dell’impedenza bioelettrica (BIA) viene utilizzata per valutare la composizione corporea e lo stato di idratazione.Questa tecnica rappresenta un approccio clinico non invasivo, affidabile e veloce, ben tollerato dai pazienti.

Una misurazione dell’impedenza segmentale potrebbe essere vantaggiosa nelle donne in gravidanza, in particolare nella tarda gravidanza.

 

La recensione

Sembra che la BIA abbia un potenziale prognostico migliore per gli esiti gestazionali e post-partum rispetto all’indice di massa corporea.

Il metodo BIA può essere utilizzato con successo per studiare l’effetto dell’eccessivo aumento di peso gestazionale in gravidanza sullo sviluppo di complicanze ostetriche. Studiare la composizione corporea della madre e correlarla con il suo bilancio energetico potrebbe facilitare lo sviluppo di raccomandazioni dietetiche per le donne.

La valutazione della composizione corporea può fornire importanti indizi per la diagnosi del diabete mellito gestazionale nelle donne in gravidanza a basso rischio di questa malattia. La BIA è anche usata come uno dei test aggiuntivi nella valutazione del rischio di sviluppare ipertensione gestazionale e preeclampsia.

 

Significato clinico

I metodi avanzati di valutazione della composizione corporea nelle donne in gravidanza e in età puerperale sono uno strumento importante per rivelare eventuali interazioni tra massa grassa ed effetti nefasti sulla madre e sulla sua prole.La valutazione della composizione corporea aiuta a comprendere meglio l’importanza di mantenere un peso corporeo appropriato durante la gravidanza, che a sua volta contribuirà a ridurre l’incidenza delle malattie correlate nelle donne e nei loro bambini.

 

 

Autori: Aleksandra Obuchowska, Arkadiusz Standylo, Zaneta Kimber-Trojnar, Bozena Leszczynska-Gorzelak

Fonte: Diagnostics (Basel). 2021 Jul 30;11(8):1370. doi: 10.3390/diagnostics11081370.

Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8391189/

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*