• Via Atto Vannucci 13 - 50134 Firenze (FI)
  • Dal Lunedi - Mercoledi - Venerdi 15:00 - 19:00

Tutti per la chetogenica :quando perdere peso è atto prioritario e urgente.

La dieta chetogenica a bassissimo contenuto calorico (VLCKD) è stata recentemente proposta come un’interessante strategia nutrizionale per la gestione dell’obesità.

VLCKD è caratterizzato da un basso contenuto di carboidrati (<50 g/giorno), 1–1,5 g di proteine/kg di peso corporeo ideale, 15–30 g di grassi/giorno e un apporto giornaliero di circa 500–800 calorie. Ovviamente non è la dieta per sempre, ma costituisce la fase iniziale del processo di perdita di peso per arrivare al mantenimento dei risultati raggiunti con schemi dietetici ipocalorici.

La task force europea di EASO (European Association for the Study of Obesity) ha messo a punto un protocollo comune e ha analizzato la letteratura esistente sulla sua efficacia nella gestione del peso e nelle comorbidità legate al peso, nonché sui possibili effetti collaterali della dieta chetogenica.

La revisione sistematica e meta-analisi

Questo documento è stato preparato in conformità con le linee guida PRISMA (Preferred Reporting Items for Systematic Review and Meta-Analyses). Le ricerche della letteratura, la selezione degli studi, lo sviluppo della metodologia e la valutazione della qualità sono state eseguite indipendentemente da 2 autori e i dati sono stati raccolti mediante una meta-analisi e una sintesi narrativa.

Dei 645 articoli recuperati, 15 studi hanno soddisfatto i criteri di inclusione e sono stati rivisti, rivelando 4 risultati principali.

VLCKD determina una significativa perdita di peso a breve, medio e lungo termine e un miglioramento dei parametri della composizione corporea, nonché dei profili glicemici e lipidici.

Se confrontato con altri interventi di perdita di peso della stessa durata, VLCKD ha mostrato un effetto maggiore sulla riduzione del peso corporeo, della massa grassa, della circonferenza della vita, del colesterolo totale e della trigliceridemia, nonché sul miglioramento della sensibilità all’insulina.

Sebbene VLCKD abbia anche determinato una significativa riduzione della glicemia, dell’HbA1c e del colesterolo LDL, questi cambiamenti erano simili a quelli ottenuti con altri interventi di perdita di peso.

VLCKD può essere considerato un approccio nutrizionale sicuro sotto la supervisione di un professionista della salute

Significato clinico

VLCKD può essere raccomandato come trattamento dietetico efficace per gli individui con obesità dopo aver considerato le potenziali controindicazioni e tenendo presente che qualsiasi trattamento dietetico deve essere personalizzato.

 

 

Autori: Giovanna Muscogiuri, Marwan El Ghoch, Annamaria Colao, Maria Hassapidou, Volkan Yumuk , Luca Busetto, Obesity Management Task Force (OMTF) of the European Association for the Study of Obesity (EASO)

Fonte: Obes Facts. 2021;14(2):222-245. doi: 10.1159/000515381

Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8138199/

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*