Uova si, ma…

Un uovo al giorno non aumenta il rischio CV (cardiovascolare)

Gli autori della revisione sistematica hanno analizzato i dati di 3 studi: il Nurses ‘Health Study (NHS, 1980-2012), NHS II (1991-2013), Health Professionals’ Follow-Up Study (HPFS, 1986-2012).

 

I partecipanti includevano 83 349 donne del NHS, 90 214 donne del NHS II e 42.055 uomini di HPFS che erano liberi da malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e cancro al basale.

Inoltre 32 anni di follow-up (> 5,54 milioni di anni-persona), sono stati identificati 14 806 partecipanti con malattia cardiovascolare incidente nelle tre coorti (infarto miocardico non fatale, cardiopatia coronarica fatale e ictus).

I partecipanti con un più alto consumo di uova avevano un indice di massa corporea più elevato, avevano meno probabilità di essere trattati con statine e consumavano più carni rosse. La maggior parte delle persone consumava tra una e meno di cinque uova a settimana.

 

Nell’analisi raggruppata multivariata, il consumo di almeno un uovo al giorno non era associato al rischio di malattia cardiovascolare incidente dopo aggiustamento per stile di vita aggiornato e fattori dietetici associati all’assunzione di uova.

 

Nella meta-analisi aggiornata degli studi di coorte prospettici (33 stime di rischio, 1 720 108 partecipanti, 139 195 eventi di malattie cardiovascolari), un aumento di un uovo al giorno non era associato al rischio di malattie cardiovascolari (risultati simili per malattia cardiaca e cerebrovascolare).

In analisi stratificate per posizione geografica, non è stata trovata alcuna associazione tra consumo di uova e rischio di malattie cardiovascolari tra le coorti statunitensi o le coorti europee, ma è stata osservata un’associazione inversa nelle coorti asiatiche.

 

I risultati delle tre coorti e della meta-analisi aggiornata mostrano che un consumo moderato di uova (fino a un uovo al giorno) non è associato al rischio complessivo di malattie cardiovascolari ed è associato a un rischio potenzialmente inferiore di malattie cardiovascolari nelle popolazioni asiatiche.

 

 

Autori: Jean-Philippe Drouin-Chartier, Siyu Chen, Yanping Li et Al.

Fonte: BMJ, 368, m513 2020 Mar 4 DOI: 10.1136/bmj.m513

Link della fonte: https://www.bmj.com/content/368/bmj.m513.long

Tags:
Categories:

Posted by Amelia La Malfa

Lascia il tuo commento

Per piacere inserire un commento
Inserisci il tuo nome.
Inserisci il tuo indirizzo email ".".
Ti preghiamo di inserire un indirizzo emeail valido.