Dopo la gravidanza, una dieta a basso indice glicemico serve perdere peso.

Il sovrappeso è un problema di salute frequente con il quale la percentuale di grasso in eccesso aumenta in misura tale da poter avere un impatto negativo sulla salute dell’individuo. Secondo l’ultimo sondaggio condotto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sulle statistiche sull’obesità nel 2014, la percentuale della popolazione mondiale era obesa in età adulta e il 39% era obeso all’età di 18 anni. Più di 1,9 miliardi di adulti erano sovrappeso, di cui 600 milioni di persone soffrivano di obesità e 41 milioni di bambini di età inferiore ai cinque anni erano obesi.

L’obesità è in aumento anche nei paesi con livelli socio-economici medio-bassi.

Secondo il sondaggio demografico e sanitario del Pakistan 2012-2013, il 40% delle donne di età compresa tra 15 e 49 anni era sovrappeso o obesa ma solo il 7% delle donne era obesa all’età di 19 anni. Tuttavia, il 51% delle donne era obesa all’età di 40-49 anni.

La gravidanza è un normale fenomeno fisiologico e si associa ad un aumento dei depositi di grasso e del peso corporeo nelle donne in età fertile. I dati disponibili suggeriscono che oltre il 64% delle donne post-partum sono sovrappeso. Circa quattro milioni di donne hanno un figlio ogni anno e quasi il 50% ha un peso anormale.

Un piano dietetico ben strutturato è importante per la prevenzione e la gestione dell’obesità.

Una dieta a basso indice glicemico (LGI) può regolare il peso corporeo promuovendo la sazietà, riducendo al minimo la secrezione insulinica postprandiale e mantenendo la sensibilità all’insulina. Questo può anche aiutare nella riduzione del peso tramite la capacità di migliorare la sazietà e successivamente ridurre l’assunzione di cibo.

La dieta a basso indice glicemico non solo riduce il peso corporeo ma esercita anche influenza sulla composizione corporea e sui parametri biochimici, richiede un tempo di digestione più lungo e mantiene il livello di glucosio nel sangue normale per un lungo periodo di tempo, mantenendo basso il livello di insulina.

Uno studio randomizzato e controllato è stato condotto presso il National Hospital and Medical Center e il Services Hospital di Lahore (Pakistan) da aprile a giugno 2015 e ha indagato donne obese post-partum. Ai soggetti del gruppo di intervento è stata assegnata una dieta a basso indice glicemico per 12 settimane, mentre al gruppo di controllo è stato consigliato di continuare la dieta di routine.

Dei 74 partecipanti, 38 (51,4%) erano nel gruppo di intervento e 36 (48,6%) nel gruppo di controllo.

La dieta a basso indice glicemico ha avuto un effetto significativo sulla riduzione del peso e un impatto positivo sull’indice di massa corporea, sulla percentuale di grasso corporeo e la massa grassa.

D’altra parte, non c’è stato nessun cambiamento nel gruppo di controllo dopo 12 settimane del periodo di studio!

 

Autori: Basharat S, Gilani SA, Burq AI, Bashir S. Fonte: J Pak Med Assoc. 2018 Apr;68(4):548-553.

Link della fonte: http://jpma.org.pk/full_article_text.php?article_id=8642

Tags:
Categories:

Posted by Amelia La Malfa