• Via Atto Vannucci 13 - 50134 Firenze (FI)
  • Dal Lunedi - Mercoledi - Venerdi 15:00 - 19:00

Le sane abitudini: mangiare alla stessa ora e non saltare i pasti.

Gli individui con sindrome metabolica hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari e ictus.

I fattori di rischio modificabili, come l’esercizio fisico e le abitudini alimentari, sono componenti chiave nella prevenzione e nel controllo della sindrome metabolica.

In particolare, l’orario e la frequenza dei pasti sono stati associati a diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e altre condizioni croniche.

La recensione

Le prove attuali indicano che l’orario e la frequenza dei pasti, il saltare i pasti e il digiuno sono tutti associati alla sindrome metabolica.

Assumere pasti frequenti e mangiare al mattino può avere un effetto protettivo sulla sindrome metabolica.

Per contro, mangiare di notte, saltare la colazione, mangiare un pasto al giorno e mangiare in modo irregolare possono facilitare lo sviluppo di rischi di sindrome metabolica negli adulti.

Gli effetti del digiuno sulla prevalenza della sindrome metabolica non sono chiari e vanno ulteriormente studiati, anche se saltare i pasti si associa a sindrome metabolica.

Significato clinico

Comprendere l’effetto delle abitudini alimentari è importante quanto capire l’effetto dei nutrienti sulla salute.

Negli ultimi cinque anni, la ricerca ha dimostrato che l’orario e la frequenza dei pasti sono associati a molteplici malattie croniche. Saltare la colazione, il pranzo o la cena è cosa frequente oggi poiché sempre più persone mangiano fuori casa. Inoltre, studi epidemiologici hanno dimostrato che mangiare a tarda notte si associa ad un aumentato rischio di obesità e malattie cardiovascolari.

Anche l’orario e la frequenza dei pasti sono associati alla sindrome metabolica.

 

Autori: Fatema Alkhulaifi, Carlo Darkoh

Fonte: Nutrients. 2022 Apr 21;14(9):1719. doi: 10.3390/nu14091719.

Link della fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9102985/ella fonte: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/fsn3.2811