• Via Atto Vannucci 13 - 50134 Firenze (FI)
  • Dal Lunedi - Mercoledi - Venerdi 15:00 - 19:00

Sovrappeso e obesità si associano a un aumentato rischio cardiometabolico, quindi perdere peso con la dieta e/o l’esercizio fisico sono gli interventi preventivi per la salute del cuore.

Alcune prove suggeriscono, tuttavia, che un’elevata idoneità cardiorespiratoria (CRF) potrebbe mitigare gli effetti dannosi dell’eccesso di peso corporeo sulla salute cardiometabolica, definito paradosso del “grasso ma in forma”.

Per chiarire l’esistenza di questo paradosso è stato condotto uno studio osservazionale.

Lo studio

I ricercatori hanno valutato l’associazione congiunta tra diverse categorie di BMI e livelli di attività fisica PA con la prevalenza dei principali fattori di rischio CVD.

 

I partecipanti (18–64 anni) sono stati sottoposti a visite mediche di routine (∼1 / anno) come parte della loro copertura assicurativa sanitaria.

 

I partecipanti sono stati classificati come peso normale (BMI, 20,0-24,9 kg · m −2), sovrappeso (BMI, 25,0-29,9 kg · m −2 ) o obesi (BMI ≥ 30,0 kg · m −2 ) e come “inattivi”’ (non eseguono né una PA moderata né vigorosa), “insufficientemente attivi” (non soddisfano le raccomandazioni minime dell’OMS sulla PA per gli adulti, cioè <150 min / settimana e <75 min / settimana in PA moderata e vigorosa, rispettivamente) , o “regolarmente attivi” (che soddisfano le linee guida dell’OMS di ≥ 150 min / settimana di PA moderata o ≥ 75 min / settimana di PA vigorosa, o una combinazione di questi).

 

I ricercatori hanno raccolto i dati da 527662 partecipanti. Circa il 42%, il 41% e il 18% dei partecipanti avevano rispettivamente peso normale, sovrappeso o obesità; il 63,5%, il 12,3% e il 24,2% erano inattivi, insufficientemente attivi e regolarmente attivi; il 30%, 15% e 3% aveva ipercolesterolemia, ipertensione e diabete.

 

Essere regolarmente o insufficientemente attivi conferiva protezione rispetto all’inattività contro tutti i fattori di rischio studiati all’interno di ciascuna categoria di BMI, cosa evidente in un modo dose-risposta PA per diabete e ipertensione. Tuttavia, una PA regolare / insufficiente non ha compensato gli effetti negativi del sovrappeso / obesità, poiché gli individui con sovrappeso / obesità erano a maggior rischio di CVD rispetto ai loro coetanei con peso normale, indipendentemente dai livelli di PA. E questa relazione era valida anche analizzando uomini e donne separatamente.

 

Significato clinico

Questo studio suggerisce che, sebbene l’attività fisica mitighi, almeno in parte, gli effetti dannosi del sovrappeso / obesità sul rischio di CVD, l’eccesso di peso corporeo di per sé è associato a un notevole aumento della prevalenza dei principali fattori di rischio: circa 2 volte di più di ipercolesterolemia, 5 volte di più di avere ipertensione, e 4 volte di più di sviluppare diabete tra individui attivi ma obesi rispetto ai loro coetanei inattivi con peso normale.

In sintesi, il trattamento dietetico, mirato al controllo del peso corporeo, è fondamentale per mantenere il cuore sano in individui sovrappeso-obesi.

 

 

Autori: Pedro L Valenzuela, Alejandro Santos-Lozano, Alberto Torres Barrán et al.

Fonte: European Journal of Preventive Cardiology, zwaa151, https://doi.org/10.1093/eurjpc/zwaa151

Link della fonte: https://academic.oup.com/eurjpc/advance-article/doi/10.1093/eurjpc/zwaa151/6105192

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*