• Lun - Ven dalle 9:00 a 19:00

  • Via Atto Vannucci, 13 - 50134 Firenze

  • 055241106 - 348 6936286 

Farina di lenticchie rosse: una soluzione gluten free e ricca di antiossidanti.

Il mondo delle farine gluten free è davvero ricco di soluzioni interessanti. Quando arriva la diagnosi di celiachia non è davvero il caso di disperarsi, dal momento che, come dimostra l’esistenza della farina di lenticchie rosse, le alternative per cucinare in maniera gustosa ci sono.

La farina di lenticchie rosse è una soluzione congeniale al proposito. A differenza di quella a base di frumento non contiene glutine. Caratterizzata da benefici molto importanti, contiene un’ottima quantità di sostanze antiossidanti. Assumerla significa infatti lavorare bene dal punto di vista della prevenzione del tumore.

Sceglierla significa anche migliorare l’apporto di un minerale come il ferro, un principio nutritivo molto importante per la formazione dei globuli rossi. Le lenticchie rosse sono anche una fonte di acido folico. Questa sostanza è decisiva per favorire la fertilità e per il corretto sviluppo del feto.

Proprietà della farina di lenticchie rosse, eccellente fonte di fibre

La farina di lenticchie rosse non è solo un punto di riferimento importantissimo per chi deve cucinare gluten free. Ricchissima di fibre, è perfetta per tenere sotto controllo la regolarità intestinale e per evitare di mangiare fuori pasto per via dei picchi glicemici.

 

Le fibre contribuiscono inoltre al raggiungimento della sazietà. Non c’è storia: la farina di lenticchie rosse è decisiva anche per quanto riguarda il mantenimento della forma fisica. La cucina per i celiaci è un mondo da scoprire che, come dimostra questo caso, può anche affascinare le numerose soluzioni disponibili e per la possibilità di guardare in maniera globale alla propria salute.

 

Dove si può trovare la farina di lenticchie rosse?

La farina di lenticchie rosse, a differenza di altre farine gluten free, è difficile da trovare sia nei piccoli punti vendita sia nella grande distribuzione. Ecco perché può essere utile avere qualche idea su come prepararla. Il punto di partenza al proposito sono le lenticchie rosse essiccate. Molto utile a questo punto è il robot da cucina, che serve per triturare le lenticchie.

 

In questo modo è anche possibile ottimizzare il costo e coniugare cucina sana e attenzione al risparmio domestico. Fantastico, vero? Il mondo della cucina ci riserva davvero tantissime sorprese e la farina di lenticchie rosse è una delle tante! A questo punto non resta che provarla per una focaccia o una torta!

 

Tiziana Colombo

Tags:
Categories:

Caldo: ecco gli alimenti ideali in estate.

Con il caldo arrivano anche spossatezza, debolezza e fiacchezza. Per combattere questi sintomi è importante prestare attenzione a cosa portiamo in tavola, seguendo un’apposita dieta anti-caldo. Ecco quindi gli alimenti che possono aiutarci ad affrontare al meglio l’estate.

Alimenti freschi e crudi

In estate è meglio dare la preferenza agli alimenti crudi rispetto a quelli cotti. Gli alimenti freschi come frutta e verdura, ricchi di acqua e sali minerali, permettono una reidratazione più veloce del nostro corpo e ci assicurano un buon apporto di sali minerali persi durante la sudorazione. Gli alimenti freddi, inoltre, abbassano la temperatura interna del corpo mentre la verdura cotta aumenta la sensazione di caldo e possiede meno sali minerali e le vitamine preziosi durante l’estate. Per fare incetta di omega 3 e proteine l’ideale è una tartare di pesce crudo.

Anguria
L’anguria è ricca di potassio, ha tanta acqua e poche calorie, è remineralizzante, idrata le cellule e abbassa la temperatura corporea e può essere consumata anche a metà mattina o pomeriggio come spuntino.

Pomodori
Ricco di licopene, acqua e sali minerali, il suo caratteristico colore rosso assicura la presenza di beta-carotene. Inoltre può essere consumato anche crudo nelle insalate e questo favorisce la nostra idratazione, ma anche leggermente scottato in padella con olio extravergine d’oliva: la sua cottura porta all’aumento della biodisponibilità di licopene e beta-carotene.

Carote
Le carote rappresentano un’ottima fonte di beta-carotene, composto antiossidante che contrasta la produzione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare. Le carote, inoltre, sono anche una fonte eccellente di vitamina K, vitamina B6, biotina, vitamina C, ma anche di sali minerali come potassio, rame e manganese. Oltre che nelle insalate, la carota può essere consumata anche come spuntino salutare a metà mattina o metà pomeriggio in risposta allo stimolo della fame.

Insalata
L’insalata è la scelta migliore quando vogliamo stare leggeri. Pur apportando pochissime calorie, è molto ricca di vitamine come la A, B1, B2, B3, B9, C, E e la K, sostanze come la pectina e la lactucina e minerali come il ferro che contrasta l’anemia. Inoltre, aiuta a mantenere la linea, favorendo il senso di sazietà.

Zucchine
Le zucchine sono ricche di potassio, acqua, acido folico, sali minerali e clorofilla, una molecola che ci aiuta a rimanere giovani e combatte i radicali liberi.

Cetriolo
Il cetriolo, ricchissimo di acqua, aiuta a idratare e anche a combattere gli inestetismi della cellulite perché è diuretico e drenante.

Pesca
La pesca è ricca di beta-carotene, vitamine del gruppo B, sali minerali e flavonoidi.

Peperoni
I peperoni sono ricchi di vitamina C, antociani e beta-carotene. Il consiglio degli esperti è quello di consumarli crudi per assumere più vitamina C, una vitamina idrosolubile che si perde durante la cottura. Un’idea è quella di tagliare i peperoni a julienne e aggiungerli nell’ insalata.

Fonte:Redazione Informasalus-it

 

Tags:
Categories:

Anemia e dieta vegetariana

Esistono varie forme di anemia che riguardano diverse tipologie di valori insufficienti dell’emoglobina. Scopriamo quali alimenti della dieta vegetariana sono in grado di apportare buone quantità di ferro.

Una delle principali funzioni del sangue è il trasporto dell’ossigeno dai polmoni, dove viene captato dall’aria inspirata, ai tessuti, dove viene consumato dalle cellule durante i processi vitali che in esse si svolgono.  Il trasporto dell’ossigeno viene effettuato dai globuli rossi, e più precisamente dall’emoglobina in essi contenuta e che lega la molecola dell’ossigeno. L’anemia, dunque, è una condizione morbosa caratterizzata dalla riduzione del patrimonio emoglobinico dell’organismo o, più semplicemente, della concentrazione dell’emoglobina nel sangue circolante.  L’anemia è certamente una delle condizioni morbose più diffuse nel mondo. Essendo il ferro un componente fondamentale della molecola dell’emoglobina, la mancanza di ferro è una delle cause più frequenti di anemia la cui carenza ha una prevalenza elevata anche nei Paesi occidentali.  I gruppi della popolazione più a rischio sono i bambini e gli adolescenti, le donne in età fertile e le persone anziane. Durante la crescita, i giovani hanno bisogno di molto ferro per espandere le masse corporee e questo contrasta spesso con un apporto dietetico inadeguato.  Le donne in età fertile sono a rischio elevato di carenza non solo per le perdite mestruali, ma anche per le gravidanze, ciascuna delle quali richiede mediamente circa 700 mg di ferro.  Le emorragie, spesso occulte, a carico del tubo digerente sono la causa più frequente di carenza nelle persone anziane. Esistono differenti forme di anemia, non tutte responsive al trattamento nutrizionale. Tra quelle che lo sono, la più comune è l’anemia sideropenica (anemia cronica caratterizzata da globuli rossi piccoli e pallidi e da riduzione di ferro) e l’anemia da malassorbimento di vitamina B12, tra le cui principali cause troviamo: dieta inadeguata, malassorbimento, aumentata richiesta e/o aumentata secrezione.

Troviamo, infine, anche forme di anemia da carenza di acido folico (anemia macrocitica). Anemia e scelte alimentari. Nella prevenzione dell’anemia è indispensabile un’alimentazione ricca di ferro, acido folico e vitamina B12.  Generalmente, però, è difficile con la sola alimentazione assumere una quantità di ferro sufficiente al ripristino delle scorte, quindi non si può contare solo sull’apporto alimentare nel caso in cui la diagnosi di sideropenia sia già certa.  Una volta ripristinate le scorte mediante supplementazione, sarà più facile mantenerle con una adeguata alimentazione. E’ per questo che risulta importante studiare con un medico specialista o un nutrizionista la dieta specifica per la propria condizione di anemia. Il ferro nella dieta vegetariana. Il ferro che si trova negli alimenti di origine animale è il ferro eme che viene assorbito più facilmente dal nostro intestino.  Negli alimenti di origine vegetale troviamo il ferro non eme, il cui assorbimento è favorito dall’assunzione di vitamina C all’interno dello stesso pasto (assorbimento di ferro non-eme esaltato fino a 6 volte).  In generale, l’assorbimento del ferro è influenzato positivamente da tutti gli alimenti che, stimolando le secrezioni dello stomaco, contribuiscono a mantenere elevata l’acidità dell’ambiente digestivo: anche la vitamina A, il complesso B, il rame e la cisteina sono in grado di far assorbire di 2 o 3 volte in più il ferro non eme presente nella verdura.  A parità di biodisponibilità (assimilazione più lenta e difficile), il ferro da fonti proteiche come la carne è consigliabile maggiormente in questi pazienti, ma se l’anemia è di grado modesto e non richiede trasfusioni (prima è fondamentale capirne la causa), è possibile assumere una dieta equilibrata a base di cibi vegetali.  Alimenti più ricchi di ferro sono i legumi -100 g di fagioli, ad esempio, possono contenerne fino a 9 mg contro i 4 scarsi della carne di cavallo – cereali in chicco e alcune verdure come rucola e radicchio, ma non spinaci!  Il processo di assorbimento del ferro non eme può essere aiutato da piccoli accorgimenti: ammollando cereali e legumi prima della cottura o evitando di abbinare alimenti ricchi di ferro con caffè, tè, latte e derivati poiché sia il calcio che i tannini, ossalati e le stesse fibre ne rallentano e riducono l’assorbimento.  Per questo le bevande contenenti caffè, tè, latte dovrebbero perciò essere assunti alcune ore prima di un pasto ricco di ferro.

Ecco una lista degli alimenti vegetariani/vegani che apportano buone quantità di ferro: > 1 tazza di soia cotta apporta 8,8 mg di ferro; > 1 tazza di lenticchie cotte apporta 6,6 mg di ferro;  > la quinoa cotta apporta 6,3 mg di ferro; > 1 tazza di cardo cotto apporta 4 mg di ferro;  > ¼ di tazza di anacardi apporta 2 mg di ferro.

 

 

 

Bibliografia: Anderson BM RS Gibson and JH Sabry The iron and zinc status of long-term vegetarian women, Am J Clin Nutr 1981 Jun;34(6):1042-1048.Latta D, Liebman M Iron and zinc status of vegetarian and non-vegetarian males, Nutr Rep Int 1984;30:141-149.Helman AD, Darnton-Hill I Vitamin and iron status in new vegetarians, Am J Clin Nutr 1987 Apr;45(4):785-789.

Tags:
Categories:

L’assunzione di omega 3 in gravidanza

gravodanzaSe ti trovi in stato interessante o desideri esserlo entro breve, sicuramente sai quali sono i nutrienti di cui non si può fare a meno perchè tuo figlio nasca forte e sano: stiamo parlando dell’acido folico, del ferro, del calcio, del fosforo, dello zinco, delle vitamine A, B, C, D, E… E i grassi? Cosa sai della loro importanza?
Fino a poco tempo fa erano tenuti in scarsissima considerazione, perchè accompagnati da una fama sinistra: quella di fare ingrassare e, in molti casi, di essere anche nocivi.
Un grave errore. In realtà, durante la gravidanza, il 30-35% delle calorie totali presenti nella tua dieta proviene dai grassi.
Oltre ad essere la principale fonte di energia, tuo figlio ne ha bisogno per poter crescere correttamente.
Sono sopratutto gli acidi grassi essenziali che non gli devono mancare; questi rivestono un’importanza fondamentale, perchè il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli e quindi deve assimilarli dagli alimenti che consumiamo.

I GRASSI: NE’ BUONI, NE’ CATTIVI
Tutte le varietà di sostanze grasse sono necessarie al nostro organismo, ma nelle debite proporzioni e secondo le quantità raccomandate dagli specialisti, le quali variano in base alle differenti categorie degli stessi grassi.
E’ opportuno sottolineare che queste sostanze, pur differenti tra loro per composizione e proprietà, sono accomunate da un elemento: gli acidi grassi.
Sicuramente hai letto oppure sentito parlare degli Omega-3 e degli Omega-6, dell’acido oleico, che costituisce il componente primario dell’olio d’oliva, delle proprietà benefiche degli acidi grassi essenziali (AGE) e molto probabilmente sei al corrente anche della pessima nomea degli acidi grassi saturi.
In realtà le cose non sono né bianche né nere. Ciascuna sostanza grassa svolge una funzione ben determinata all’interno del nostro corpo ed è caratterizzata da peculiarità che dipendono strettamente dall’acido grasso che predomina nella sua composizione chimica (infatti, possono essercene diversi).

ACIDI GRASSI SATURI (AGS): Sono stati inseriti nella lista dei cattivi, ma in realtà non lo sono affatto: anzi, si raccomanda che vengano a costituire il 7-8% del valore calorico totale della dieta alimentare. Sono di facile identificazione: più o meno fluidi a temperatura ambiente, provengono da animali, come il pollo, l’agnello, la mucca (grasso), il maiale (strutto), oppure derivano da alcuni prodotti, sempre di origine animale, come il latte (burro) ed i formaggi.
Sono presenti anche nell’olio di cocco ed in quello di palma. Fatta eccezione per chi segue un’alimentazione vegetariana, si trovano nella nostra dieta in quantità eccessive.
FUNZIONI: Aumentano il colesterolo totale poiché fanno accrescere il livello delle lipoproteine LDL, (conosciute come “colesterolo cattivo”) e delle lipoproteine HDL, (il cosidetto “colesterolo buono”); come ti dicevo prima, però, anche io colesterolo è un elemento necessario, se preso nella giusta misura. Questo perchè è parte integrante delle membrane cellulari e contribuisce alla produzione dei sali biliari della guaina mielinica, della vitamina D e di svariati ormoni, elaborati dal nostro organismo (in particolar modo dalle gonadi e dalla corteccia surrenale), la cui secrezione viene regolata in base al colesterolo che il nostro corpo riceve mediante l’alimentazione.

ACIDI GRASSI MONOINSATURI (AGM): Quello più popolare e maggiormente diffuso è l’acido oleico, di cui è particolarmente ricco l’olio d’oliva. Annovera molti estimatori sia tra i consumatori sia tra i medici, che consigliano di prenderne in una quantità tale da costituire il 15-20% delle calorie totali della nostra dieta.
FUNZIONE: Abbassa i livelli di colesterolo cattivo, aumentando quello buono, riduce la pressione arteriosa, fa diminuire il rischio di trombosi. In altre parole, esercita un’azione protettrice contro diversi disturbi cardiovascolari e migliora, in genere, lo stato generale di salute dei diabetici.

ACIDI GRASSI POLINSATURI (AGP): Tra questi rientrano gli Omega-3 e gli Omega-6. Il fabbisogno giornaliero di questi ultimi è 2-4 volte maggiore di quello degli Omega-3.
Lo sbilanciamento verso gli Omega-6 si deve al grande impiego di olio di girasole ed olio di semi di mais nell’alimentazione. Queste due sostanze sono ricche di acido linoleico, che appartiene alla categoria degli Omega-6. (L’acido linoleico è contenuto in alimenti come i legumi, le noci, l’olio di soia, ecc. Una volta assunto viene trasformato nell’organismo in EPA e DHA).
Il rapporto ideale tra Omega-3 e Omega-6 dovrebbe essere 1:5; la quantità ottimale di acidi grassi polinsaturi generalmente si aggira intorno al 7-8% dei grassi totali della dieta e, nel caso specifico deglio Omega-6, dovrebbe oscillare fra l’1 ed il 3%.
FUNZIONE: Formano parte delle membrane cellulari e del sistema nervoso, riducono il colesterolo totale e quello cattivo e possono diminuire o mantenere semplici colesterolo buono.

QUALI BENEFICI
Certamente non puoi controllare la produzione di acidi grassi del tuo corpo, però è in tuo potere decidere cosa mangerai, in modo che il tuo organismo possa sintetizzarli oppure assimilarli direttamente dai cibi.
Da questa decisione dipende anche il corretto sviluppo del tuo futuro bambino. Tramite la placenta, il piccolo assimila tutti i nutrienti che tu prendi abitualmente.
Se sono quelli di cui ha bisogno, bene, in caso contrario li assorbirà direttamente dal tuo organismo. Però, se ne rimane sprovvisto perchè anche tu ne sei priva, il suo sviluppo non raggiungerà la completezza e la sua crescita potrà presentare tutta una serie di ritardi, inclusi quelli mentali.
Alcuni studi scientifici hanno dimostrato che gli acidi grassi Omega-3 svolgono un ruolo fondamentale, tanto durante la gravidanza e l’allattamento quanto nel corso della prima infanzia.
Gi organi, del feto e del lattante prima, del bambino poi, l’utilizzano come materiale da costruzione per le membrane cellulari e per le prostaglandine E1, sostanze affini agli ormoni, il cui compito consiste nel regolare le funzioni delle cellule, degli organi e del sistema immunitario e nel mantenere il giusto equilibrio ormonale.
Inoltre, tali sostanze favoriscono lo sviluppo del sistema nervoso e svolgono un’azione antinfiammatoria. Anche la retina, al pari di altri tessuti nervosi, contiene una quantità di uno degli acidi grassi Omega-3: il DHA.
Se il tuo figlio fosse  sprovvisto di questo particolare elemento, non potrebbe percepire la luce né vedere e non potrebbe neppure costruire il proprio sistema nervoso, i propri neuroni, le proprie sinapsi, ovvero le connessioni neurali necessarie alla trasmissione degli impulsi nervosi, in modo che l’organismo possa funzionare correttamente.
Infine va sottolineato un’altro elemento, anch’esso particolarmente significativo: la maggior parte dei grassi Omega-3 ed Omega-6 si deposita nei tessuti cerebrali e retinici fra la 24° settimana di gestazione e la nascita.
Secondo gli esperti, la corretta assunzione di Omega-3 nel corso della gravidanza e dell’allattamento, oltre a  prevenire l’ ipertensione nelle gestanti, permette il costruirsi delle riserve di queste sostanze grasse necessarie tanto per la crescita dei tessuti del bambino quanto per l’ottimale sviluppo del suo sistema nervoso e visivo.
Come se ciò non bastasse, gli Omega-3 abbassano anche i livelli dei trigliceridi nel sangue, aumentano la dilatazione arteriosa e prevengono la formazione di trombi, l’insorgenza di aritmie e l’arresto cardiaco.

QUALI SONO GLI ALIMENTI CHE LO CONTENGONO
Gli acidi grassi Omega-3 sono contenuti principalmente nel pesce grasso (salmone, tonno e pesce azzurro, come sgombri, aringhe, sardine).
In genere, una dieta varia ed equilibrata, che comprenda 2 o 3 pasti alla settimana a base di pesce, riesce a soddisfare appieno le esigenze dell’organismo. In alcuni casi, tuttavia, qualora la dieta non sia sufficiente, si può ricorrere agli integratori dietetici di Omega-3, da prendere in caso di vera necessità, sotto la prescrizione e il controllo medico.
Gli integratori a base di oli di pesce andrebbero perciò assunti con cautela durante il primo trimestre di gravidanza, quando si verificano le tappe fondamentali della differenziazione e dello sviluppo dei vari organi (organogenesi).

Il pesce grasso o pesce azzurro
Nell’apporto di Omega-3 è l’alimento sovrano, però non viene consumato con la stessa frequenza di olio, anche se, ovviamente, quando mangiamo pesce, ne assumiamo in quantità maggiore.
Il motivo per cui il pesce azzurro è da preferirsi a quello bianco è il seguente: i pesci sono sprovvisti di tessuto adiposo ed hanno due differenti modalità di immagazzinamento delle sostanze grasse; il pesce bianco le accumula nel fegato, il pesce azzurro nei muscoli, ossia nella parte che mangiamo abitualmente.
Da qua, il contenuto esatto di olio di pesce vari in funzione della sua origine, che può essere il solo fegato o tutto il pesce. Di solito 10ml di un olio ricavato dal fegato di merluzzo, ippoglosso o squalo, contiene circa 2 g di acidi grassi Omega-3.

Gli oli
Quelli maggiormente ricchi di Omega-3 sono l’olio di colza (9,60 g ogni 100 g d’olio) e l’olio di soia (7,30 g). Ma si tratta di condimenti scarsamente utilizzati nella cucina del Belpaese.
Se impieghi abitualmente olio di girasole, la quantità assunta dal tuo organismo sarà molto bassa; infatti, contiene solo 0,1 g di acido alfa-linoleico, la sostanza da cui derivano tutti gli Omega-3. Nel caso dell’olio di oliva, la quantità raggiunge gli 0,7 g, ma continua ad essere insufficiente, considerato che non si può, nè si deve, prendere 100 g d’olio al giorno.

Il latte materno
Paragonato al latte intero di mucca, quello umano in 100 mg presenta meno grassi saturi, minori quantità di acido oleico e di acido linoleico e 0,08 g di g di grassi Omega-3 (ne contiene tre tipologie differenti), rispetto ai 0,02 presenti nel latte di mucca ed agli 0,05 riscontrati nel latte in polvere arricchito.
Tale quantità (0,08 g), a prima vista sembra un pò scarsa, eppure svolge un ruolo importante per l’organismo dei neonati; infatti, il DHA contenuto in esso viene utilizzato dal bambino per continuare lo sviluppo della propria retina e del proprio sistema nervoso.
Non dimenticare che la quantità del latte prodotto dal tuo corpo dipende in grande misura dal tuo tipo di alimentazione.

Le uova
Oggigiorno sono ricche di DHA e contengono meno colesterolo, grazie alla speciale alimentazione somministrata alle galline.

I PESCI RICCHI DI OMEGA-3
Queste sono le specie d pesce che contengono la maggiore quantità di acidi grassi Omega-3 (per ogni 100 g)

– Salmone 1,85g
– Acciuga 1,65g
– Sardina 1,50g
– Aringa 1,20g
– Trota 1,00g
– Sgombro 1,00
– Tonno 0,70g
– Pesce Spada 0,70g
– Sogliola 0,40g
– Platessa 0,40g

PRENDI NOTA!

Vantaggi per il bimbo:
1- Contribuiscono al corretto sviluppo del suo cervello.
2- Favoriscono la crescita adeguata del suo sistema nervoso.
3- Assicurano un corretto sviluppo e funzionamento della sua retina.
4- Sono una sorte di sentinella delle sue connessioni intercellulari.

Vantaggi per la mamma
1- Riducono il livello di trigliceridi nel sangue.
2- Esercitano un controllo sull’ipertensione arteriosa.
3- Evitano l’ostruzione delle arterie nonchè il rischio di una possibile trombosi.
4- Esplicano una significativa attività cardioprotettrice

Fonte :www.angolo donne.it

Tags:
Categories:

Le patate

patate-3
Le patate contengono circa il 79% di acqua, il 15% di amido e la restante percentuale si divide tra ceneri, zuccheri, grassi, proteine e fibre alimentari; Il contenuto proteico è modesto. Sono pertanto consigliate in sostituzione dei cereali nelle diete dimagranti; favoriscono  il senso di sazietà, sono ricche di vitamine del gruppo B (B1, B2, B6 PP e acido folico), vitamina C, potassio e oligominerali (rame, ferro, cromo e magnesio).

Il carotene, contenuto in modesta quantità  ne determina, a seconda della sua minore o maggiore presenza, la colorazione gialla più o meno intensa

Gli zuccheri invece si dividono tra saccarosio, destrosio e fruttosio. Tra gli aminoacidi, quelli presenti in maggior percentuale sono: acido aspartico e glutammico, leucina, lisina, valina, arginina .Per l’alto contenuto di potassio ,le patate aiutano l’organismo ad eliminare l’acqua in eccesso,per  cui combattono la ritenzione idrica,inoltre si rivelano molto utili in caso di ipertensione.             Hanno in media una resa calorica pari ad 89 calorie ogni 100 grammi

E’ importante non consumare le patate germogliate ,in quanto contengono un alto quantitativo di solanina che può avere effetti tossici sull’organismo. E’utile sapere che la patata ha la proprietà di essere un alimento con un alto potere assorbente ed ha un comportamento simile a quello di una spugna; quindi assimila anche i pesticidi ed i veleni eventualmente utilizzati  durante la sua coltivazione divenendo così un pericolo per la salute di chi se ne nutre. Per cui ,è preferibile acquistare patate esclusivamente di provenienza biologica

Tags:
Categories: